Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Smart working, insegne spente e chiusura anticipata dei locali: il piano del governo contro la crisi energetica

Immagine di copertina

Smart working, insegne spente e chiusura anticipata dei locali: il piano del governo contro la crisi energetica

Chiusura anticipata degli uffici, insegne dei negozi spente e ritorno allo smart working. Sono alcune delle misure che sta valutando il governo per affrontare l’emergenza energetica, alimentata dai prezzi record del gas.

Nei prossimi giorni è atteso il varo da parte del ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani, di un piano di risparmio energetico, che prevederà diversi scenari a seconda dalla gravità della situazione nei prossimi mesi. Nella migliore delle ipotesi, secondo quanto riporta La Repubblica, i sacrifici saranno limitati  all’abbassamento già annunciato di un grado e di un’ora al giorno dei riscaldamenti sia per le famiglie che le aziende.

Lo scenario peggiore, quello di un’interruzione delle forniture da parte di Mosca, prevede invece misure più estese. Secondo le proposte al vaglio del ministero, in caso di emergenza tutti i dipendenti pubblici potrebbero tornare in smart working per almeno due mesi: esclusa la possibilità di ricorrere al lavoro da remoto a rotazione, una scelta che comporterebbe consumi energetici sia negli uffici che nelle abitazioni.

Inoltre, l’illuminazione pubblica potrebbe essere ridotta fino al 40% e i negozi obbligati a spegnere le insegne dopo le 23. L’accensione dei riscaldamenti potrebbe essere ritardata di una settimana e il loro spegnimento anticipato di altrettanti giorni. Secondo quanto riporta Il Messaggero, il governo sta anche valutando la chiusura anticipata alle 17.30 degli uffici pubblici, alle 19 degli esercizi commerciali e alle 23 per i locali notturni.

Per le imprese energivori non sono per il momento previsti razionamenti ma un piano di “interruzioni volontarie concordate”, che preveda anche compensazioni economiche.

Oltre al piano, il governo sta lavorando a un nuovo provvedimento, in aggiunta al decreto Aiuti bis varato ad agosto. Rimane ferma da parte dell’esecutivo la volontà di non ricorrere a scostamenti di bilancio, come chiesto invece da diversi partiti impegnati nella campagna elettorale. Oltre a un aumento dei crediti d’imposta destinati a tutte le aziende, le nuove misure potrebbero contenere aiuti diretti alle imprese che consumano maggiormente gas, in aggiunta all’attesa proroga al 5 ottobre degli sconti sulla benzina, in arrivo nei prossimi giorni. A finanziare gli aiuti dovrebbe essere il gettito della tassa sugli extra profitti, che finora le aziende energetiche si sono rifiutate di pagare.

Ti potrebbe interessare
Economia / Trieste: il giudice annulla i licenziamenti Wartsila, era comportamento antisindacale
Economia / Il bollettino BCE: "Economia a ristagno ma alzeremo i tassi d'interesse per combattere l'inflazione"
Economia / Digital pay: oltre la PSD2, l’Unione Europea studia la nuova la normativa
Ti potrebbe interessare
Economia / Trieste: il giudice annulla i licenziamenti Wartsila, era comportamento antisindacale
Economia / Il bollettino BCE: "Economia a ristagno ma alzeremo i tassi d'interesse per combattere l'inflazione"
Economia / Digital pay: oltre la PSD2, l’Unione Europea studia la nuova la normativa
Economia / Annalisa Chirico a TPI: “Affrontare la crisi energetica è la sfida per il governo che verrà”
Economia / Uno studio dell'Inps: il Reddito di cittadinanza favorisce la natalità
Economia / Bus e metro gratis contro l’inflazione: la lezione di Madrid e Berlino
Economia / Sta arrivando la recessione. Ma sul gas l’Ue tentenna ed è divisa
Economia / Von der Leyen: “Dagli extra-profitti dell’energia 140 miliardi. Sbagliato guadagnare con la guerra”
Economia / Multe, scatta l’aumento del 10% a causa dell’inflazione
Economia / Crisi finanziaria e scelte politiche dell’Ue: togliamoci l’elmetto, così stiamo facendo il gioco di Putin