Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Telefonate moleste sui cellulari, il 27 luglio parte il registro delle opposizioni: che cos’è e come iscriversi

Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Chiamate continue dai call center selvaggi addio. Da domani, mercoledì 27 luglio, sarà possibile liberarsi dalle chiamate di telemarketing molesto, quelle telefonate di pubblicità non richieste e che spesso vanno contro le norme sulla privacy, anche sul proprio cellulare. Sarà infatti attivo il nuovo registro delle opposizioni, al quale è necessario iscriversi per aderire.

Ma siccome non tutte le ciambelle vengono col buco, diciamo subito che potrebbe non bastare. Anche iscrivendosi, infatti, è probabile che non si riesca a bloccare proprio tutte le chiamate moleste: la stretta non si applica, ad esempio, ai call center che si trovano all’estero. Ma che cos’è il registro delle opposizioni? Si tratta di uno strumento progettato dal Ministero dello Sviluppo economico per richiedere il blocco delle telefonate e l’invio di messaggi da parte degli operatori di telemarketing, ma anche chiamate effettuale con dischi e sistemi di registrazione automatica.

Introdotto già nel 2010 per i numeri fissi, in maniera gratuita, dal 13 aprile scorso è stato ampliato anche ai numeri di cellulare. La novità entrerà ufficialmente in vigore a partire dal 27 luglio. Per eliminare le chiamate moleste anche sul proprio telefonino è necessario iscriversi al Registro, sia con il numero fisso che con quello mobile. Ci sono ben quattro modalità diverse di iscrizione, tutte gratuite.

La prima è attraverso il sito web: sarà sufficiente compilare un modulo di iscrizione disponibile su www.registrodelleopposizioni.it, dove viene richiesto di inserire il numero di telefono da escludere dal telemarketing. In alternativa, l’utente può scaricare il medesimo modulo e inviarlo compilato con tutte le informazioni richieste via mail all’indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it. Oppure è possibile telefonare al numero verde 800.265.265 direttamente dal numero di cellulare su cui si intende porre fine alle chiamate degli operatori pubblicitari.

Per i nostalgici della carta, si può infine inviare una raccomandata. Lo stesso modulo andrà stampato, compilato e spedito, insieme a una fotocopia del proprio documento d’identità all’indirizzo del Gestore (“gestore del registro pubblico delle opposizioni – abbonati”, Ufficio Roma Nomentano – casella postale 7211 – 00162 Roma) oppure via fax al numero 06.54224822. Gli operatori di telemarketing smetteranno di telefonare entro 15 giorni dalla ricevuta richiesta. Tutte le aziende del settore sono obbligate a consultare il registro delle opposizioni ed eliminare dalla lista dei propri contatti tutti quei numeri di telefono che sono iscritti.

Una novità importante e molto attesa dagli utenti, che però potrebbe avere delle falle. La stretta infatti non si applica a tutti: ad esempio non vale per i call center che si trovano all’estero. La normativa italiana obbliga loro ad aderire alle regole, ma operando da fuori dal territorio nazionale è difficile renderli soggetti di eventuali sanzioni. Gli operatori illegali, inoltre, potrebbero continuare a tartassare gli utenti di telefonate senza il rischio di incorrere in sanzioni. Non è detto dunque che con questo Registro delle opposizioni saremo sicuri di liberarci una volta per tutte delle telefonate di telemarketing. A questo proposito, il ministero dello Sviluppo economico sta collaborando con l’Antitrust e il Garante per la privacy per risolvere gli illeciti.

Ti potrebbe interessare
Economia / Altro che giustizia sociale: la nuova austerity energetica è roba da ricchi
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Ti potrebbe interessare
Economia / Altro che giustizia sociale: la nuova austerity energetica è roba da ricchi
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Economia / Addio ai voli a 10 euro di Ryanair. Pesa il caro energia
Economia / Flat tax: che cos’è e come funziona
Economia / Salvini promette la flat tax al 15%, Berlusconi al 23%: ecco quanto costerebbe
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022