Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Per eToro una valutazione IPO Nasdaq che sta per raggiungere i cinque miliardi di dollari

Immagine di copertina

Azienda multinazionale, con sede legale in Australia, negli USA, nel Regno Unito, a Cipro e in Israele, eToro, è nota per lo sviluppo di una piattaforma per la gestione degli investimenti, oltre che essere particolarmente apprezzata come social trading e brokeraggio multi asset. Solamente nel 2020 ha acquisito cinque milioni di nuovi clienti e raddoppiato i ricavi a 500 milioni di dollari, si rivolge, nel secondo trimestre del 2021, ad un’IPO, ossia ad una Initial Public Offer. Nel 2007, Ronen e Yoni Assia hanno fondato eToro e, ironia della sorte, i clienti israeliani non potevano commerciare utilizzando la piattaforma eToro, poiché non era stata approvata, mentre era riconosciuta dalle autorità di regolamentazione locali come, per esempio, a Cipro, in Australia e nel Regno Unito, oltre ad avere una notoria popolarità in numerosi paesi europei, e asiatici.

La crisi finanziaria del 2020 ha visto il volume degli scambi scendere anche di oltre il 20% e, questo ha determinato che eToro sia diventato un punto di riferimento imprescindibile nel mercato azionario. Di conseguenza, tale celeberrima società di brokeraggio multi-asset e di social trading sta partecipando a un’offerta pubblica iniziale di azioni sul Nasdaq con una valutazione di 5 miliardi di dollari. Pertanto, eToro è attualmente in trattative con Goldman Sachs, una nota banca d’affari, sulla guida dell’IPO.

A tal proposito, nel secondo trimestre del 2021, si prevede il completamento dell’offerta pubblica iniziale. Così, ad un elenco crescente di società tecnologiche israeliane che conducono IPO negli Stati Uniti e che vede includere nomi noti come, ad esempio, Outbrain, Taboola, REE, Payoneer, OrCam, Monday.com, ironSource e molte altre, nei prossimi mesi si unirà, anche, eToro. Come alcune di queste società, eToro sta anche esaminando la possibilità di completare una fusione SPAC, ovvero Special Purpose Acquisitions, per accelerare la penetrazione di Wall Street.

Nota per lo sviluppo di una piattaforma per la gestione degli investimenti di investitori privati, eToro ha registrato un notevole aumento di valore durante questa pandemia di coronavirus. Il picco di valutazione, che ha raggiunto i 2,5 miliardi di dollari, è stato confermato dopo che un investitore istituzionale statunitense ha acquistato azioni sul mercato secondario per almeno 50 milioni di dollari, riacquistando azioni da precedenti investitori e dipendenti.

Con il volume degli scambi triplicato dall’inizio dell’anno, è facile capire quanto siano spumeggianti le .

Non è stato altro che, per eToro, il 2020 un anno di totale positività, che gli ha permesso di raggiungere, tra l’altro, importanti successi come avere cinque milioni di nuovi utenti, aumentando così il numero di clienti registrati, fino a un totale di 17 milioni. Inoltre, il volume degli scambi delle sue azioni sulla piattaforma è triplicato. In effetti, le entrate della società sono più che raddoppiate a $ 500 milioni. Per eToro, un numero che è del tutto vantaggioso.

Inoltre, lo scorso anno eToro ha assunto molti dipendenti, arrivando a 1.100 subalterni, di cui 700 in Israele. La società prevede, per di più, di assumere centinaia di collaboratori entro il 2021.

Sin dal suo inizio, eToro ha raccolto 200 milioni di dollari, oltre a poter annoverare celebrità e nomi famosi come China Minsheng Financial, Ping An Insurance e Chemi Peres tra i suoi investitori. Il valore che eToro sta prendendo di mira sembra alto, ma è meno della metà di quello di Robinhood. Robinhood, infatti, ha 15 milioni di utenti e il numero di transazioni eseguite sulla sua piattaforma è raddoppiato. Come eToro, mira anche lei ad attirare gli utenti più giovani.

Il modello di business dell’applicazione della tecnologia fintech Robinhood si basa sulla raccolta di tariffe minime per gli utenti e sull’aumento delle entrate addebitando commissioni ai market maker. Robinhood ha anche un livello di abbonamento premium. Per una tariffa di $ 5 al mese gli utenti possono accedere a una piattaforma di prestito e strumenti di gestione del portafoglio.

Invece, andando a concludere, eToro, nato come una sorta di piattaforma di social networking per gli investimenti, in estrema sintesi, non addebita agli utenti il ​​monitoraggio dei portafogli.

Ti potrebbe interessare
Economia / Nel cuore di Roma il lancio di “Airport in the city”, il nuovo servizio di ADR
Economia / Innovazione protagonista agli Asecap Days 2024
Economia / Agricoltura: un’azienda di Montalcino al terzo posto nella classifica italiana delle imprese più sostenibili
Ti potrebbe interessare
Economia / Nel cuore di Roma il lancio di “Airport in the city”, il nuovo servizio di ADR
Economia / Innovazione protagonista agli Asecap Days 2024
Economia / Agricoltura: un’azienda di Montalcino al terzo posto nella classifica italiana delle imprese più sostenibili
Economia / L’Area Studi Mediobanca presenta il report “Le multinazionali industriali mondiali con focus sui Gruppi della Difesa”
Economia / Banca Ifis: l’utile netto del primo trimestre 2024 cresce a 47 milioni di euro
Economia / Perché gli allevamenti intensivi nuocciono gravemente (anche) alla nostre salute
Economia / Nuovi Ogm: le mani delle multinazionali della chimica sull’agricoltura europea
Economia / Egemonia alimentare: i 4 colossi che controllano il mercato della carne negli Usa
Economia / Mangia, consuma, crepa: ecco quanto vale il business (iniquo) dell’agroalimentare
Economia / Giulia Innocenzi a TPI: “Vi racconto il lato oscuro dell’industria della carne, tra lobby e politica”