Pensioni news, le ultime notizie di oggi | Tridico: “Quota 100 non si cambia”

Tutti gli aggiornamenti in materia di previdenza sociale

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 26 Set. 2019 alle 06:21 Aggiornato il 27 Set. 2019 alle 07:37
1
Immagine di copertina
Credit: ANSA/STRINGER

Pensioni news e Quota 100: le ultime notizie di oggi

TPI raccoglie in questo articolo le ultime news in tema pensioni, aggiornate alla data di oggi, giovedì 26 settembre 2019. Di seguito tutte le notizie e le novità sul sistema previdenziale e sui vari programmi di pensionamento anticipato, da Quota 100 a Opzione Donna.

Tridico: “Quota 100 non si cambia”

Quota 100 resta e non si cambia. Lo assicura il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, intervistato dall’Ansa. “Non ci sono state chieste valutazioni e verifiche su possibili modifiche di Quota 100 né dei coefficienti né dell’aspettativa di vita”, spiega Tridico.

“Non ci sono cambiamenti in quella direzione. Non è necessario cambiare la previdenza ogni anno, anzi va cambiata a medio lungo termine. Quota 100 dura tre anni e questo è un periodo di riflessione su cosa si può fare dopo”.

Pensioni news: Quota 100 sta costando meno del previsto

Quota 100 nel 2019 è costata meno del previsto: finora 2,1 miliardi di euro, a fronte dei 3,8 che erano stati stanziati all’inizio dell’anno. Il risparmio, provvisorio, è di 1,7 miliardi. È quanto emerge dal rapporto di monitoraggio che l’Istituto di previdenza sociale ha inviato nelle scorse settimane al Parlamento e i cui dati sono stati riportati oggi da Il Sole 24 Ore.

All’inizio del 2019, per Quota 100 e le altre forme di pensionamento anticipato, erano state previste 290mila adesioni. Ad oggi le domande accolte sono poco meno di 176mila. Anche alla luce del risparmio di cui sopra, il programma di pre-pensionamento che consente di uscire dal mercato del lavoro a chi ha almeno 62 anni d’età e 38 anni di contributi sarà confermato nel 2020.

Quota 100, nel 2019 risparmi per 1,7 miliardi di euro

Renzi contro Quota 100: “Va eliminata”

Matteo Renzi, leader di Italia Viva, insiste contro Quota 100: “Se fossi ministro la eliminerei”, ha dichiarato Renzi intervistato durante il programma radiofonico Mattino24, in onda su Radio 24. “Ma il ministro Gualtieri ha escluso questa ipotesi”.

“Noi ci atterremo a quello che farà il governo e non faremo i pierini del governo e cercheremo di dare una mano”, ha chiarito peraltro Renzi. Aumentare selettivamente l’Iva? “No. Questo governo è nato per non aumentare l’Iva e l’aumento selettivo dell’Iva è da evitare a tutti i modi”.

Quota 100 e Opzione Donna anche nel 2020

Quota 100 e Opzione Donna saranno mantenute nel 2020. Nei prossimi giorni il Governo Conte bis dovrà presentare la Nota di aggiornamento al Def e, salvo clamorose sorprese, i due principali programmi di pensionamento anticipato dovrebbero essere confermati, almeno per l’anno prossimo.

Nei giorni scorsi il premier Conte ha assicurato che Quota 100 e Opzione Donna saranno presenti in manovra, ma su Quota 100 ha specificato che si tratta di una “misura temporanea”. “Quota 100 sarà mantenuta, ma non è la panacea dei problemi del sistema pensionistico”, ha dichiarato il premier. “È una misura temporanea, introdotta per sanare una ferita, un vulnus”.

Come noto, il programma che consente di andare in pensione con almeno 62 anni d’età e 38 anni di contributi divide M5S e Pd. Secondo quanto emerso nelle scorse settimane, tuttavia, le due forze di maggioranza avrebbero raggiunto un accordo di compromesso: Quota 100 resta fino alla scadenza del triennio sperimentale, ossia fino alla fine del 2021. Poi non sarà rinnovata.

Pensioni news, Salvini: “Barricate in Parlamento per Quota 100”

“Quota 100 non si tocca, su questo faremo le barricate in Parlamento. Se qualcuno pensa di toccare quota 100 li facciamo stare in Parlamento giorno e notte”. Lo ha dichiarato il leader della Lega, Matteo Salvini, intervistato nella serata di ieri durante il programma tv Fuori dal coro, in onda su Rete 4.

Opzione Donna, la Cgil propone una modifica

La Cgil propone di modificare Opzione Donna in modo da riconoscere alla lavoratrice in uscita un anno di contributi per ciascun figlio avuto. La proposta è stata lanciata dal segretario generale del sindacato, Maurizio Landini, durante la Giornate del Lavoro organizzate dalla Cgil a Lecce nel fine settimana scorso. “Bisogna riconoscere un anno di contributi per ogni figlio”, ha detto Landini, secondo cui il programma di pensionamento anticipato Opzione Donna “è abbastanza penalizzante”.

“C’è un problema per le donne”, ha osservato il segretario della Cgil. La proposta di modificare Opzione Donna è stata avanzata dal leader sindacale durante un dibattito faccia a faccia con il premier Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio non ha commentato l’ipotesi: Conte si è limitato a dire che il governo intende “riproporre Opzione Donna” nella Legge di Bilancio 2020.

Tutte le news di pensioni dei giorni scorsi

Per tutti i dettagli su Pensioni Quota 100, ed anche su Pensioni Opzione DonnaQuota 41Ape social e volontaria ecco una serie di link utili:

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.