Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Def, l’affondo di Moscovici: “Il deficit dell’Italia pesa sui conti dell’Eurozona”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 12 Apr. 2019 alle 08:41 Aggiornato il 12 Apr. 2019 alle 11:45
0
Immagine di copertina

A pochi giorni dall’approvazione del Def in Consiglio dei ministri, arriva l’affondo sui conti italiani da parte di Pierre Moscovici. Dagli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale a Washington, infatti, il commissario europeo per l’economia ha parlato della situazione del debito pubblico italiano. E non è mancata una stoccata al governo Conte.

“La situazione dell’Italia, riguardo deficit e debito – ha dichiarato infatti Moscovici ai microfoni di SkyTg24 – pesa sui conti dell’Eurozona. Servono riforme strutturali vere e credibili e misure per la crescita”.

Subito dopo, il commissario Ue ha sottolineato che “il debito deve calare. E non è questione di essere duri”.

Def 2019: cosa prevede il documento di Economia e finanza approvato dal Cdm

Sul Def 2019 dell’Italia, poi, Moscovici ha aggiunto: “A maggio analizzeremo il documento e alla fine faremo tutte le valutazioni, ma in base ai nostri conti. La nostra decisione arriverà il 7 maggio e dovranno tornare i conti sulla base delle nostre indicazioni”.

“L’Italia – ha continuato Moscovici – sta soffrendo una situazione di stagnazione, se non di recessione. E la situazione italiana è fonte di incertezza per tutta l’Eurozona. Chiedo all’Italia credibilità. Tutti devono rispettare le regole e gli impegni presi. È una questione di credibilità e di sostenibilità”.

Def, legge di stabilità, debito pubblico: le parole da sapere sulla finanza in Italia

Non è la prima volta che Moscovici critica apertamente l’Italia. Era successo anche a fine 2018, durante la discussione per la Legge di bilancio varata dal governo giallo-verde. All’epoca, Lega e M5s volevano sforare il limite del 3 per cento di deficit in confronto al Pil, come fatto anche dalla Francia.

Ma il commissario Ue era stato perentorio: “La Francia può permetterselo, l’Italia no“.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.