Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Moscovici: “Deficit oltre il 3%? La Francia può farlo, l’Italia no”

Immagine di copertina
Emmanuel Macron e Pierre Moscovici

Per il Commissario europeo agli Affari economici il caso italiano e quello francese "sono completamente diversi"

Lo sforamento del 3 per cento del rapporto deficit/Pil da parte della Francia, come conseguenza delle riforme promesse da Macron ai gilet gialli, è uno scenario che le istituzioni europee “possono prendere in considerazione”.

A dirlo è il commissario per gli affari economici dell’Ue Pierre Moscovici in un’intervista al giornale francese Le Parisien.

Moscovici ha così bloccato sul nascere i tentativi del governo M5s-Lega di far leva sull’aumento della spesa pubblica francese per chiedere maggiore flessibilità anche per l’Italia.

Per il Commissario Ue la situazione italiana e quella francese “sono completamente diverse”.

“Non facciamo come se ci fosse da una parte una severità eccessiva e dall’altra non so quale lassismo – ha detto Moscovici – Il debito dell’Italia è sotto osservazione da anni, mentre ciò non è mai avvenuto per la Francia”.

Martedì 11 dicembre, era stato il premier francese Edouard Philippe ad ammettere che le misure promesse da Macron per venire incontro ai gilet gialli e placare la loro protesta potrebbero portare il deficit francese addirittura al 3,5 per cento.

Una dichiarazione che aveva spinto diversi esponenti dell’esecutivo M5s-Lega a chiedere di poter usufruire degli stessi benefici concessi al governo transalpino.

Macron, nello specifico, ha dichiarato di essere pronto ad aumentare di 100 euro il salario minimo, che oggi ammonta a 1.184 euro netti mensili, a defiscalizzare le ore di straordinari e i premi pagati dalle imprese ai lavoratori a fine anno, nonché a tagliare le tasse per le pensioni sotto i 2mila euro.

Si tratta di misure che, nel complesso, potrebbero costare fino a 10 miliardi.

Mercoledì 12 dicembre il premier Giuseppe Conte vedrà il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Si tratta del primo di una serie di incontri decisivi.

Bruxelles ha chiesto una correzione della manovra in tempi rapidissimi, con un deficit sotto al 2 per cento.

Il governo M5s-Lega, al momento, sembra disposto a scendere non oltre il 2,1, racimolando risparmi nelle pieghe degli emendamenti e lasciando quasi immacolati reddito di cittadinanza e quota 100.

Ma, se prevarrà la linea Moscovici, nel negoziato l’Italia non potrà portare come argomento a sui favore lo sforamento del 3 per cento da parte della Francia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”