Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

Reddito di cittadinanza, chiamata per 120 mila famiglie: rischio sanzioni

Immagine di copertina

Reddito di cittadinanza convocazioni | Famiglie | Patti per il lavoro | Beneficiari | Sanzioni | Revoca

REDDITO DI CITTADINANZA SANZIONI – Al via la fase 2 del Reddito di cittadinanza. Dopo una fase 1 molto travagliata per via dei bassi importi erogati su molte delle card in circolazione e del numero delle adesioni in lenta crescita, è arrivato il momento delle convocazioni dei componenti delle famiglie che hanno avuto accesso al reddito di cittadinanza ad aprile e che risultano immediatamente attivabili.

REDDITO DI CITTADINANZA: REQUISITI, CALCOLO E COME FARE DOMANDA

In queste ore sono partite le prime telefonate ai beneficiari del sussidio a cui viene comunicata la data delle convocazione in sede. La chiamata riguarderà 120 mila nuclei, il 24 per cento della platea iniziale di beneficiari.

I percettori del bonus saranno convocati nei centri per l’impiego in modo da poter avviare la procedura che porterà finalmente alla sottoscrizione dei famosi patti per il lavoro.

Reddito di cittadinanza sanzioni | Convocazioni | Le penali

Chi non si presenterà all’appuntamento andrà incontro a sanzioni severe: si rischia persino di perdere il sussidio. Considerato che circa un terzo dei beneficiari attivabili ha ricevuto sulla propria card una somma mensile inferiore a 300 euro, non sono escluse defezioni.

Per i percettori del sussidio che hanno avuto accesso al beneficio ad aprile è arrivato dunque il momento di trovarsi un lavoro: circa 120 mila famiglie verranno convocate nei centri per l’impiego nei prossimi giorni affinché i componenti del nucleo considerati arruolabili vengano indirizzati verso un percorso di reinserimento occupazionale.

Previste pene severe per i furbetti: verrà sospesa l’erogazione del bonus per un mese a chi non si presenterà nei centri per l’impiego il giorno della convocazione. Chi darà buca una seconda volta dovrà rinunciare invece a due mensilità del reddito di cittadinanza.

Dopo tre appuntamenti mancati, il diritto al beneficio verrà revocato.

Ma non finisce qui: si subiranno decurtazioni anche nel caso in cui, in seguito alla convocazione e all’avvio del percorso di reinserimento occupazionale, uno solo dei componenti ritenuti attivabili del nucleo familiare non partecipi alle iniziative di orientamento e ai progetti indicati dagli operatori del centro per l’impiego.

Reddito di cittadinanza, cos’è e come funziona: ecco tutti i dettagli del decreto

Reddito di cittadinanza, uno stop della procedura in Lazio: “Non c’è la strumentazione, niente convocazioni”

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Il data scientist è entrato nel cuore delle aziende
Lavoro / Gaming, realtà virtuale e smart working: lavoro e videogame
Economia / La digitalizzazione nel mondo del lavoro e la disuguaglianza di genere
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Il data scientist è entrato nel cuore delle aziende
Lavoro / Gaming, realtà virtuale e smart working: lavoro e videogame
Economia / La digitalizzazione nel mondo del lavoro e la disuguaglianza di genere
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Cronaca / Le lauree che fanno trovare subito lavoro (e guadagnare di più)
Lavoro / Bologna, Logista licenzia 90 dipendenti con un messaggio su WhatsApp
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati