Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

“Restiamo finché la ministra Catalfo non ci riceve”: i precari di Anpal Servizi occupano la sede dell’Agenzia

Immagine di copertina

“La ministra ci deve ricevere oggi”. È un grido ormai esausto quello che anima la protesta dei lavoratori precari di Anpal Servizi, che oggi hanno deciso di occupare la sede dell’Agenzia nazionale per le politiche attive sul lavoro. L’agenzia, che è amministrata dal professor Domenico Parisi – scelto da Luigi Di Maio e attualmente in Mississipi e al centro di scandali e polemiche per via di ingenti spese personali effettuate con i soldi dell’azienda – non ha ancora provveduto a sanare la situazione di 654 lavoratori da anni in attesa di stabilizzazione: il paradosso di Anpal Servizi, controllata dal ministero del Lavoro di Nunzia Catalfo, è che seppur si occupi di politiche per l’occupazione (fra le altre cose, di trovare un lavoro a chi percepisce il reddito di cittadinanza e di formare i navigator assunti da qualche mese e rimasti “inutilizzati”) ha un serbatoio decisamente cospicuo di “precari storici” di cui abbiamo seguito le lunghe battaglie per ottenere un contratto a tempo indeterminato.

Battaglie che hanno avuto come esito l’aver ottenuto lo scorso ottobre un sì dal governo giallorosso per la definitiva assunzione dei precari grazie alla legge  128/2019. Legge che, in sostanza, dispone la stabilizzazione di tutta la platea dei precari dell’azienda, ma che finora non è stata applicata. ” La Legge 128/2019, approvata grazie alla mobilitazione tenace da più di 8 mesi, continua a non essere applicata da ANPAL Servizi. Con la scusa dell’approvazione del Piano industriale, bocciato per ben 3 volte dal Consiglio di Amministrazione ANPAL (di cui ANPAL Servizi è società in house), è tutto fermo rispetto alle stabilizzazioni dei collaboratori”, sostiene il sindacato Clap Anpal, che rappresenta la maggioranza dei lavoratori precari, cococo e tempi determinati “in scadenza”.  Sindacato che a TPI ha ribadito l’intenzione di proseguire con l’occupazione della sede di Anpal finché la ministra Catalfo non risponderà all’ennesimo appello dei precari: “Il sindacato Clap decide di rimanere in occupazione permanente della sede di Anpal Servizi. Rimarremo oltre l’autorizzazione ad occupare la sede finché la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo non ci riceve. Non ci è ancora arrivata nessuna comunicazione, noi non ci muoviamo da qui perché oggi si deve sbloccare la vertenza dei 654 precari di Anpal Servizi. Il 31 luglio scadono 260 colleghi e noi, finché non si sblocca la situazione, non ci muoviamo da qua. La ministra ci deve ricevere oggi”.

Leggi anche:

“Ministra, se non ora quando?”: l’appello dei lavoratori precari di Anpal Servizi a Nunzia Catalfo

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Lavoro / Chiude la Gkn di Campi Bisenzio: altri 422 lavoratori lasciati a casa con una e-mail
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Lavoro / Chiude la Gkn di Campi Bisenzio: altri 422 lavoratori lasciati a casa con una e-mail
Economia / La Commissione europea contro l’Italia: “Il blocco dei licenziamenti è dannoso”
Lavoro / Trecento nuove assunzioni in Gi Group nel 2021
Lavoro / Concorsi pubblici 2021: tutti i bandi attivi
Lavoro / Nel Recovery addio all'Esame di Stato, basterà la laurea
Lavoro / Nomadi del digitale: un professionista su tre del settore sogna di trasferirsi grazie allo smart working
Lavoro / Riforma Brunetta e concorso scuola: ecco perché è giusto valutare i titoli al posto della preselettiva
Cronaca / Concorso per 2.800 assunzioni nella PA: bando e come candidarsi