Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia » Lavoro

Concorso Mibac a rischio per la crisi di governo: il ministro Bonisoli lancia l’allarme | VIDEO

Immagine di copertina
Il ministro Alberto Bonisoli

Le assunzioni potrebbero saltare in caso di caduta del governo

Crisi di governo, a rischio il concorso al Mibac

Concorso al Mibac a rischio per colpa della crisi di governo. In caso di caduta del governo ed elezioni anticipate, potrebbero saltare “alcuni importanti provvedimenti” messi in campo dal Ministero dei Beni culturali, a partire dalle assunzioni di personale previste con il concorso tanto atteso per circa 4 mila persone. (Qui tutte le ultime notizie sulla crisi di governo)

“Circa 3 mila ad ottobre, altre 1000 a dicembre” e altre ancora, insieme “a investimenti per un totale di 10 milioni di euro in finanziaria”, denuncia il ministro della cultura Alberto Bonisoli, che affida le sue considerazioni ad un video postato sui suoi social. “È un danno per il Paese, per il Mibac, per la cultura”, aggiunge.

Il video del ministro Bonisoli

“Noi abbiamo pronto un concorso ad ottobre per circa 3 mila persone, un concorso per 28 dirigenti sempre ad ottobre, mille assunzioni di funzionari a dicembre e 250 persone che dovrebbero transitare dai centri per l’impiego a questo ministero. Queste iniziative in un nuovo governo sarebbero a rischio”. E ancora: “Nella finanziaria avevamo già pronte alcune norme che riguardano specificatamente l’investimento nel personale di questo ministero: 30 dirigenti di seconda fascia in più a partire dal 2020. L’incremento del Fondo delle risorse decentrate, l’ex Fua, utilizzando il 5 per cento dei ricavi di tutti i musei statali che a questo punto andrebbero a beneficio di tutti i dipendenti del ministero. Sto parlando – precisa – di un investimento di più di 10 milioni di euro”.

Tutte queste iniziative “volte alla soluzione dei problemi di questo ministero – ribadisce Bonisoli che nel video postato su Facebook parla dal suo studio nel dicastero di via del Collegio Romano – con un nuovo governo o con quello che accadrà sono a rischio. E questo è un danno per il Paese, per il ministero e per la cultura italiana”.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Gadget personalizzati aziendali: guida alla scelta
Lavoro / Gestione dello stress sul lavoro: come prendersi cura del lavoratore in azienda
Lavoro / Team in Outsourcing vs Team interno: qual è il più vantaggioso?
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Gadget personalizzati aziendali: guida alla scelta
Lavoro / Gestione dello stress sul lavoro: come prendersi cura del lavoratore in azienda
Lavoro / Team in Outsourcing vs Team interno: qual è il più vantaggioso?
Economia / Azimut Marketplace: che cos’è e come funziona
Lavoro / Posso fare un preventivo del Notaio online? Ecco cosa aspettarsi, tra modalità, costi e tariffe
Lavoro / Abilitazione insegnamento all’estero: la via spagnola sicura e riconosciuta del “Master en Profesorado”
Cultura / Trasforma il tuo futuro con Corsi.it
Lavoro / Ma quale settimana lavorativa da 4 giorni, in Italia il 9,4% dei dipendenti lavora 50 ore a settimana
Lavoro / Master Project Management: perché è la professione del futuro?
Lavoro / Gi Group al fianco dei docenti per l’orientamento dei più giovani