Me

Concorso Dsga, dopo le preselettive adesso le prove scritte: tutto quello che c’è da sapere

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 13 Giu. 2019 alle 11:16 Aggiornato il 13 Giu. 2019 alle 15:42
Immagine di copertina

Concorso Dsga 2019 prova scritta | Criteri di ammissione | Cosa studiare

CONCORSO DSGA 2019 PROVA SCRITTA – Si sono svolte in questi giorni (11, 12 e 13 giugno 2019) le prove selettive del concorso Dsga 2019, promosso dal ministero dell’Istruzione.

Prove che servivano a scremare i tantissimi candidati per il bando che prevede il reclutamento di 2.004 Direttori dei servizi generali e amministrativi per le istituzioni scolastiche statali.

Concorso DSGA: come prepararsi alla prova scritta? Ecco i migliori testi per esercitarsi e i consigli utili

Adesso, però, è tempo di pensare al secondo step del concorso: la prova scritta. I candidati che hanno partecipato alle prove preselettive sanno già se sono stati ammessi agli scritti del concorso Dsga, visto che il test a cui si sono sottoposti in questi giorni (100 quesiti a risposta multipla al pc in 100 minuti) dava immediatamente un punteggio e un esito.

Cresce adesso l’ansia in vista delle prove scritte, per le quali non è stata ancora fissata una data. Proviamo a mettere ordine e vediamo in cosa consisteranno, come si viene ammessi e cosa bisogna studiare.

Concorsi 2019: i nuovi bandi e quelli non ancora scaduti

Concorso Dsga 2019 prova scritta | Criteri di ammissione

Come si viene ammessi allo scritto? Viene ammesso un numero di candidati, su base regionale, pari a tre volte i posti banditi. Di questa lista fanno parte anche tutti coloro che ottengono un punteggio pari all’ultimo candidato collocato in posizione utile.

Il punteggio ottenuto nella prova preselettiva, inoltre, non contribuirà a formare il voto finale dello scritto. Una volta arrivati alla prova scritta, infatti, i punteggi dei candidati vengono azzerati.

Per quanto riguarda i candidati con invalidità pari o superiore all’80 per cento, questi sono esonerati dal partecipare alla prova selettiva e si possono presentare direttamente per lo scritto.

Concorsi scuola primaria e secondaria, Bussetti annuncia l’avvio delle procedure per 70mila posti

Concorso Dsga 2019 prova scritta | In cosa consiste il test

I candidati che hanno ricevuto un punteggio sufficiente a passare alla prova scritta, dovranno svolgere un esame suddiviso in due parti. Prima, infatti, ci saranno sei quesiti a risposta aperta, poi una prova a metà tra teoria e pratica nella quale viene richiesto di redigere un atto vero e proprio.

Ciascun candidato avrà a disposizione 180 minuti (tre ore) per fare il test in tutte le sue due parti. Il punteggio massimo sarà di 30 punti, mentre il minimo richiesto per l’accesso alla prova orale è di 21/30.

Qualora si passassero gli scritti, l’ultima prova consiste in una verifica delle conoscenze di materie informatiche, delle discipline oggetto dello scritto e della lingua inglese del candidato, per un totale di 30 minuti di colloquio.

Tutto sul concorso 2019 per la scuola secondaria

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Concorso Dsga 2019 prova scritta | Cosa studiare

Cosa studiare quindi per la prova scritta del concorso Dsga 2019? Secondo il bando pubblicato dal Miur, le materie su cui bisogna essere preparati, fin dalla prova preselettiva, sono le seguenti:

  • Diritto costituzionale e Diritto amministrativo con riferimento al diritto dell’Unione Europea.
  • Diritto civile
  • Contabilità pubblica in riferimento alla gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche
  • Diritto del lavoro con riferimento particolare al contratto del pubblico impiego
  • Legislazione scolastica
  • Ordinamento e gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche autonome e stato giuridico del personale scolastico
  • Diritto penale con particolare riferimento ai delitti contro la Pubblica amministrazione

Tutto sul concorso 2019 per scuola dell’infanzia e primaria

Dentro il Rojava, guerra di Siria