Landini: “Pensione a 62 anni per tutti, ecco la proposta di Cgil, Cisl e Uil”

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 20 Gen. 2020 alle 17:22
224
Immagine di copertina
Maurizio Landini, segretario generale della Cgil. Credit: WIki Commons

Landini: “Pensione a 62 anni per tutti”

Il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, invoca una riforma della previdenza sociale che consenta a tutti di andare in pensione a 62 anni. La proposta è contenuta nel piano elaborato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil, che bocciano sia l’opzione Quota 102 sia l’ipotesi di pensionamenti anticipati in cambio di un sistema interamente contributivo.

La piattaforma dei sindacati “rivendica un’uscita flessibile a partire da 62 anni”, conferma Landini, intervistato dal quotidiano La Stampa. Il 27 gennaio prenderà il via una trattativa tra Governo e associazioni dei lavoratori su una riforma complessiva delle pensioni. “Ci sono tutte le condizioni per fare un buon lavoro”, sottolinea il leader della Cgil.

Landini accusa la legge Fornero di aver “aumentato le diseguaglianze” e di non aver “risolto i problemi”. “Bisogna ricostruire un sistema pensionistico pubblico degno di questo nome”, osserva. “Primo, acceleriamo la commissione sulla separazione tra spesa previdenziale e assistenziale e quella sui lavori gravosi. Secondo, serve una pensione di garanzia per i giovani e per chi ha avuto lavori discontinui e precari. Terzo, bisogna riconoscere il lavoro di cura delle donne, che non si può trasformare in una tassa. Quarto, serve un meccanismo di uscita flessibile. Quinto, rivalutazione delle pensioni e legge sulla non autosufficienza. Proposte praticabili, e le risorse si possano trovare”.

La proposta sull’uscita anticipata a 62 anni era stata illustrata nei giorni scorsi al quotidiano Repubblica da Roberto Ghiselli, segretario confederale Cgil con delega alla previdenza. “Proponiamo di tornare allo spirito della riforma Dini che prevedeva un’uscita flessibile da 57 a 65 anni di età, ma solo per i contributivi puri che lavorano dal 1996. Noi chiediamo di applicare questa idea anche ai ‘misti’. E di fissare i requisiti a 62 anni e 20 di contributi. Le persone devono poter scegliere quando lasciare il lavoro dai 62 anni in poi. O a prescindere dall’età con 41 anni di contributi”.

Leggi anche:

Tutte le ultime news su Quota 100 e sulle pensioni

Francia, cosa prevede la contestata riforma delle pensioni di Macron e perché è meglio di Quota 100

Quota 100: in dieci mesi 201mila domande

224
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.