Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Google minaccia di licenziare i dipendenti non vaccinati: “I tamponi non sono un’alternativa valida”

Immagine di copertina
Credit Image: Andre M. Chang/ZUMA Press Wire

Google minaccia di licenziare i dipendenti non vaccinati: “I tamponi non sono un’alternativa valida”

Google ha minacciato di licenziare i propri dipendenti che sceglieranno di non vaccinarsi. Lo riporta Cnbc, citando una nota interna dell’azienda di Mountain View, secondo la quale chi non si vaccinerà sarà costretto al congedo retribuito per 30 giorni prima di perdere anche lo stipendio. Dopo un periodo di sei mesi, per chi non avrà ancora rispettato la politica vaccinale dell’azienda, sarà previsto anche il licenziamento.

Le nuove regole seguono l’ordine esecutivo con cui l’amministrazione Biden ha chiesto alle aziende statunitensi con più di 100 dipendenti di garantire che i propri lavoratori abbiano completato il ciclo vaccinale o siano sottoposti regolarmente a tampone entro il 18 gennaio. Nonostante l’ordine del governo statunitense sia stato sospeso da un tribunale lo scorso novembre e respinto al Senato la scorsa settimana, Google ha comunque deciso di procedere con l’attuazione del proprio regolamento vaccinale interno.

Il colosso californiano ha dato ai suoi 150.000 dipendenti fino al 3 dicembre per comunicare il proprio status vaccinale e inviare documenti che lo confermino, oppure chiedere un’esenzione, anche di natura religiosa. Il congedo retribuito scatterà per tutti i dipendenti non vaccinati a partire dal 18 gennaio.

L’azienda ancora non ha deciso quando i propri dipendenti dovranno tornare a lavorare in presenza, dopo aver cambiato a più riprese i propri piano per il ritorno in ufficio. Con il nuovo anno, Google intende chiedere alla maggior parte dei dipendenti di tornare in ufficio tre giorni a settimana e lavorare da casa per due giorni, ma non ha ancora indicato una data specifica, precedentemente fissata al 10 gennaio.

Nella nota, Google chiede a chiunque lavori in ufficio di essere vaccinato ma, oltre all’esenzione, lascia aperta un’altra possibilità ai non vaccinati. “Chiunque entri in un edificio di Google deve essere completamente vaccinato o avere una sistemazione approvata che gli permetta di lavorare o recarsi sul posto”, riporta la nota, che chiude invece alla possibilità di sottoporsi regolarmente ai tamponi. “I test frequenti non sono un’alternativa valida alla vaccinazione”.

Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Economia / Con il Covid aumentata la disuguaglianza: “Raddoppiati i patrimoni dei più ricchi”. La denuncia di Oxfam
Economia / A Bruxelles l’Eurocasta non conosce crisi
Economia / Autostrade, il Governo dà l’ok al riassetto: Benetton e i fondi brindano, gli automobilisti pagano
Economia / Nella Legge di Bilancio 105 milioni di mance e marchette, dalle corse ippiche alle piante aromatiche
Economia / Air Italy, arrivano prime lettere di licenziamento: “Con effetto immediato”
Economia / Elon Musk è il più ricco del mondo, scalzato Jeff Bezos: la classifica Bloomberg
Cronaca / Bollette, in arrivo rincari record: l’elettricità aumenta del 55% e il gas del 41,8%