Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Flat tax e Irpef: come cambiano le aliquote con la ‘tassa piatta’

Immagine di copertina

FLAT TAX IRPEF – L’introduzione di una flat tax o di un sistema fiscale con due o poche aliquote rispetto a comporta inevitabilmente una variazione delle percentuali di tasse applicate per diversi livelli di reddito. L’Italia non fa eccezione. La riforma voluta dai partiti di centrodestra e soprattutto dalla Lega di Matteo Salvini, cominciata con la legge di Bilancio 2019 e con l’estensione del regime forfettario per le Partite Iva, prevede il superamento delle attuali aliquote Irpef, l’imposta sui redditi delle persone fisiche. Ecco cosa cambia.

Flat tax Irpef

La ‘flat tax’, che letteralmente significa ‘tassa piatta‘, dovrebbe indicare, in teoria, un sistema fiscale che applica la stessa tassazione, in termini di aliquote, a tutti i contribuenti, indipendentemente da quanto guadagnano. È dunque molto differente dai sistemi di tassazione progressiva, come quello italiano e di quasi tutti i Paesi occidentali, che differenziano le aliquote a seconda del livello di reddito dei contribuenti. In Italia l’Irpef viene applicata sulla base di cinque scaglioni che vanno dal 23 al 43%.

Flat tax Irpef | Cosa cambia | Aliquote

Oggi chi guadagna di meno versa al Fisco il 23%, in Italia ciò vale per i redditi fino a 15mila euro, ad esclusione della no tax area, che arriva a quota 8.174 euro. Per chi guadagna più di 75mila euro l’aliquota è del 43%.

Per chi sceglie la flat tax, l’imposta sostitutiva, il regime forfettario fino a 65mila euro di fatturato, in vigore dal primo gennaio, l’aliquota unica è del 15%. Inoltre nella legge di Bilancio 2019 è stata prevista per il 2020 un’imposta sostitutiva del 20% per coloro che ottengono ricavi o compensi compresi tra 65mila e 100mila euro.

Va precisato (come abbiamo già spiegato qui) che per calcolare l’imposta sostitutiva bisogna tener conto non solo del proprio reddito, del fatturato, dei compensi, ma anche del codice Ateco, codice identificativo alfanumerico della propria attività di riferimento. Il codice Ateco viene assegnato dalla Camera di Commercio all’apertura di una nuova attività e riguarda il proprio settore. Ogni settore ha un proprio coefficiente di redditività. Moltiplicando i ricavi o compensi lordi per il coefficiente di redditività si ottiene la base imponibile.

Moltiplicando i ricavi o compensi lordi per il coefficiente di redditività si ottiene la base imponibile sulla quale, infine, calcolare l’imposta sostitutiva prevista.

Ti potrebbe interessare
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Ti potrebbe interessare
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens
Economia / Stellantis: tagli in Italia, assunzioni in Francia