Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Fatturazione elettronica, le novità in vigore dal 1 luglio

Immagine di copertina

Fatturazione elettronica 1 luglio: tutte le novità, le eccezioni e le sanzioni

Fatturazione elettronica 1 luglio | Dal 1 luglio 2019 entrano in vigore alcune novità per i professionisti titolari di partita Iva relative alla fatturazione elettronica.

L’obbligo di emettere la fattura elettronica esiste dal 1 gennaio scorso e ora, terminato il 30 giugno il periodo di regime transitorio per l’anno d’imposta 2019, i diversi professionisti avranno a che fare con alcune novità che riguardano le tempistiche di trasmissione delle fatture elettroniche emesse e le sanzioni in cui incorreranno coloro che trasgrediranno le nuove regole.

Vediamo qui di seguito quali sono le ultime novità anche alla luce di quanto previsto dal Decreto Crescita, approvato alla Camera e ora in esame a Palazzo Madama.

Fatturazione elettronica 1 luglio | Le novità in vigore dal 1° luglio

La novità più importante è senza dubbio quella relativa alle tempistiche di trasmissione della fattura elettronica: questa deve essere inviata dai titolari di partita Iva entro 12 giorni dalla data di emissione della fattura. Un obbligo, questo, che sarà valido anche per chi emette scontrini, ma inizialmente solo per quei commercianti con un volume d’affari superiore a 400mila euro l’anno.

Se prima la fattura doveva essere inviata entro 10 giorni dalla sua emissione, questo termine è quindi stato esteso di ulteriori 2 giorni.

A fornire diversi chiarimenti la circolare 14E dell’Agenzia delle Entrate, diffusa lo scorso 17 giugno. Obbligatorio anche indicare la data in cui è stata effettuata l’operazione o quella in cui viene corrisposto, in tutto o in parte, l’ammontare oggetto della fattura stessa. Nel caso di ritardo scatteranno delle sanzioni.

Fatturazione elettronica 1 luglio | Eccezioni

Ad essere obbligati a documentare le operazioni via SdI, che sta per Sistema di Interscambio, non sono però, secondo quanto previsto dalla Legge n.398/1991, ancora coloro che rientrano nel “regime di vantaggio” o in quello “forfettario”; questi professionisti, comunque, possono comunque utilizzare la e-fattura se desiderano farlo.

Chi non può utilizzare questo metodo, invece, i soggetti che sono tenuti alla trasmissione dei dati al Sistema tessera sanitaria per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata; questo, peraltro, indipendentemente dall’opposizione manifestata dall’interessato. A questi, infatti, il legislatore ha equiparato coloro che erogano prestazioni sanitarie i cui dati non devono essere inviati al Sistema Tessera Sanitaria (se tali prestazioni vengono effettuate nei confronti delle persone fisiche).

Quali sono, dunque, le eccezioni in questo senso? È vietato l’invio elettronico di fatture contenenti le seguenti prestazioni:

  • sanitarie erogate nei confronti delle persone fisiche
  • miste (sia spese sanitarie, sia voci di spesa non sanitarie), le quali andranno trasmesse come “altre spese” nel caso non fosse possibile distinguerle oppure comunicate separatamente
  • non sanitarie (se non contengono informazioni sullo stato di salute del paziente/contribuente)

Fatturazione elettronica 1 luglio | Sanzioni

Come già anticipato, se non vengono rispettati gli obblighi relativi alla fatturazione elettronica si incorrerà in alcune sanzioni.

Ma cosa prevedono queste sanzioni? In sostanza in caso di violazione degli obblighi di documentazione e registrazione delle operazioni imponibili ai fini IVA sono previste delle sanzioni amministrative comprese tra il 90 ed il 180 per cento dell’imponibile non correttamente documentato o registrato.

Tale percentuale varia in base alla natura della violazione: se questa non ha inciso sulla corretta liquidazione del tributo allora la sanzione va da 250 euro a 2mila euro.

Le sanzioni sono invece ridotte al 20 per cento nel caso in cui la fattura elettronica viene emessa entro il termine di effettuazione della liquidazione IVA del periodo successivo.

730 precompilato 2019, istruzioni e scadenza: ecco cosa sapere sul modello di dichiarazione online

Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Ti potrebbe interessare
Economia / Rodolfo Errore si dimette dalla presidenza di Sace
Economia / In Italia un lavoratore su 10 vive in povertà: il rapporto del ministero. Si pensa al salario minimo
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Economia / Con il Covid aumentata la disuguaglianza: “Raddoppiati i patrimoni dei più ricchi”. La denuncia di Oxfam
Economia / A Bruxelles l’Eurocasta non conosce crisi
Economia / Autostrade, il Governo dà l’ok al riassetto: Benetton e i fondi brindano, gli automobilisti pagano
Economia / Nella Legge di Bilancio 105 milioni di mance e marchette, dalle corse ippiche alle piante aromatiche
Economia / Air Italy, arrivano prime lettere di licenziamento: “Con effetto immediato”
Economia / Elon Musk è il più ricco del mondo, scalzato Jeff Bezos: la classifica Bloomberg
Cronaca / Bollette, in arrivo rincari record: l’elettricità aumenta del 55% e il gas del 41,8%