Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Diario da Davos 2020: cos’è il World Economic Forum

Immagine di copertina
Credit: EPA/GIAN EHRENZELLER

I grandi della terra si riuniscono in Svizzera per promuovere una nuova idea di capitalismo

Davos 2020, diario dal World Economic Forum: giorno 1

Di Elisa Serafini, inviata di TPI a Davos – Inizia oggi, lunedì 20 gennaio, il meeting annuale del World Economic Forum, l’incontro che riunisce a Davos, in Svizzera, oltre 3mila leader globali di politica, governo, società civile, mondo accademico, cultura e media. Il meeting di Davos è considerato l’incontro più importante al mondo per i temi che riguardano l’economia, il business e l’impatto sulla società.

Una conferenza dove si susseguono seminari, incontri a porte chiuse, ed appuntamenti collaterali, avviata nel 1970 con l’obiettivo di promuovere gli investimenti internazionali, e che quest’anno celebra il suo cinquantesimo anniversario.

L’edizione 2020 vedrà la partecipazione dell’attivista Greta Thunberg, del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, della cancelliera tedesca Angela Merkel e di decine di manager ed imprenditori di fama globale. Il tema di quest’anno, “Stakeholders per un mondo sostenibile e coeso”, permetterà ai partecipanti di definire nuovi modelli per la costruzione di società sostenibili ed inclusive.

Con l’occasione del 50esimo anniversario della fondazione del World Economic Forum, l’organizzazione ha lanciato un manifesto di intenti con l’obiettivo di promuovere una nuova idea di quello che potrebbe essere definito come un “capitalismo responsabile”, ispirato ai principi del libero mercato ma anche a quelli della responsabilità sociale.

La parole d’ordine di questo nuovo corso del World Economic Forum saranno quindi etica, responsabilità, e impatto. Un approccio che si sposa con i principi adottati già da diversi fondi di investimento, come ad esempio il Fondo Black Rock, la più grande società di investimento, che ha annunciato di recente che investirà esclusivamente in aziende e progetti sostenibili.

TPI sarà presente a Davos per raccontare protagonisti e progetti di questo importante meeting, tra imprenditori, politici, startupper e leader di tutto il mondo.

Leggi anche:
“Può un computer essere razzista?” Intervista a Luca Oneto, massimo giovane esperto di intelligenza artificiale in Italia
Il Jobs Act ha fatto bene a tutti. Ora si introduca anche nel pubblico impiego (di E. Serafini)
Tre motivi per cui la patrimoniale proposta dall’Spd in Germania non è una buona idea
Ti potrebbe interessare
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Economia / Addio ai voli a 10 euro di Ryanair. Pesa il caro energia
Ti potrebbe interessare
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Economia / Addio ai voli a 10 euro di Ryanair. Pesa il caro energia
Economia / Flat tax: che cos’è e come funziona
Economia / Salvini promette la flat tax al 15%, Berlusconi al 23%: ecco quanto costerebbe
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022
Lavoro / Sfruttati, sottopagati e sovraqualificati: fino a che punto vale la pena sacrificare la propria felicità in nome della produttività?
Lavoro / “Dovevo fermarmi per tornare a respirare”: le storie dei ragazzi che hanno lasciato il proprio lavoro