Coronavirus:
positivi 50.966
deceduti 33.072
guariti 147.101

Coronavirus, le banche anticiperanno la Cassa integrazione ai lavoratori

Accordo tra Abi, parti sociali e ministro del Lavoro: gli istituti verseranno nei conti correnti dei lavoratori costretti a casa un importo fino a un massimo di 1.400 euro per la Cig a zero ore di 9 settimane

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 31 Mar. 2020 alle 08:52 Aggiornato il 31 Mar. 2020 alle 09:11
98
Immagine di copertina

Coronavirus, le banche anticiperanno la Cassa integrazione ai lavoratori

C’è l’accordo tra Abi, parti sociali e Governo (ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo): i primi soldi della Cassa integrazione per i lavoratori costretti a casa dal Coronavirus arriveranno entro Pasqua. Ben prima dei consueti 2-3 mesi di lavorazione delle pratiche. La convenzione consente agli istituti di credito di anticipare fino a un massimo di 1.400 euro per la Cig a zero ore di 9 settimane (assegno proporzionato, se per periodi inferiori o se part-time).

Tanto quanto dura il periodo di copertura previsto dal decreto Cura Italia per i lavoratori delle imprese chiuse per l’epidemia di Coronavirus. Ma che potrebbe essere allungato dal Governo nel decreto di aprile.

Un’operazione a costo e burocrazia zero per il lavoratore. Le banche anticiperanno le somme e verranno poi ristorate direttamente da Inps. Qualora l’importo complessivo della Cig fosse superiore ai 1.400 euro, sarà la stessa banca a integrare la differenza, una volta incassate le risorse extra dall’Istituto di previdenza “entro al massimo 7 mesi”.

Cosa deve fare il lavoratore

Il lavoratore non dovrà fare nulla. Imprese, Inps e banche convenzionate intrecceranno l’Iban del suo conto corrente, dove saranno accreditati i soldi. Sul lavoratore non graveranno né costi né interessi. I moduli – viene reso noto – saranno a disposizione “nei prossimi giorni”.

La convenzione tra banche, parti sociali e ministero resterà in piedi fino a dicembre 2020. A novembre il punto della situazione. Quante persone coinvolgerà? Potenzialmente saranno 10 milioni i lavoratori coinvolti tra Cassa integrazione ordinaria, in deroga e Fondo di integrazione salariale. In totale, saranno stanziati 5 miliardi di euro.

I commenti

“Un risultato molto importante”, ha commentato su Twitter il ministro Catalfo. “Una buona intesa”, la definisce Carmelo Barbagallo (Uil). “La scadenza della convenzione è fissata per il 31 dicembre 2020”, aggiunge Annamaria Furlan (Cisl).

Leggi anche:  1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia

98
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.