Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Conti correnti: aumenta la richiesta di soluzioni online in era Covid

Immagine di copertina

La digitalizzazione sta favorendo l’utilizzo dei servizi digitali bancari, con un forte aumento dell’online banking nell’ultimo anno e prospettive importanti di crescita per i prossimi anni. Secondo le rilevazioni di Allied Market Research, il settore globale dell’internet banking valeva 11,43 miliardi nel 2019, mentre per il 2027 è stimato un incremento del 178% e un valore complessivo di quasi 32 miliardi.

Nel nostro Paese, come indicato da una ricerca del Boston Consulting Group, durante la crisi sanitaria per il Covid-19 il 54% degli italiani ha usato di più il mobile banking, adoperando lo smartphone e le app bancarie come strumenti principali per la gestione del conto e dei servizi collegati. Allo stesso tempo, il 51% delle persone ha incrementato l’utilizzo dei canali online per interagire con la propria banca.

L’aumento delle richieste per i conti correnti online in era Covid, però, è accompagnata da un aggravio dei costi, soprattutto a causa delle spese sostenute dagli istituti di credito per via degli interessi negativi applicati dalla Bce. Fineco è stata una delle prima banche a prevedere la chiusura dei conti con oltre 100 mila euro di deposito senza strumenti di risparmio, assicurativi o di investimento attivi. La Banca d’Italia aveva registrato già nel 2019 la crescita dei costi medi per i conti online, passati da 0,2 euro nel 2018 a 5,9 euro nel 2019, con stime che indicano una spesa media intorno ai dieci euro per il 2020.

Quali sono le proposte più interessanti del momento per i conti online

Scegliere un conto corrente online conveniente sta diventando sempre più difficile, a causa dell’ampia gamma di prodotti a disposizione e dell’aumento dei servizi integrati proposti dalle banche. Come è possibile vedere anche dalla costantemente aggiornata da Chescelta.it, nel settore si possono trovare soluzioni piuttosto diverse tra loro, dai conti a canone zero più accessibili fino a quelli con tariffa azzerabile attivando uno o più prodotti complementari.
Ad ogni modo, è evidente come tutte le banche propongano oggi conti correnti online a condizioni competitive, per far fronte all’incremento dei nuovi player che lavorano in maniera esclusivamente digitale. Si tratta ad esempio di operatori come N26 e Hype, i quali mettono a disposizione conti e carte conto con Iban particolarmente gettonati soprattutto dai più giovani, con gestione 100% online attraverso app ottimizzate per i dispositivi mobili.

Per la scelta del conto corrente online più vantaggioso è importante considerare alcuni aspetti, tra cui non solo il canone ma anche tutti i servizi inclusi nel costo mensile, ad esempio valutando il numero di operazioni comprese e le tariffe previste sui servizi extra canone. Allo stesso modo, è fondamentale analizzare le carte di pagamento proposte insieme al conto online, le commissioni sui bonifici SEPA e fuori dall’area UE, i costi sui prelievi negli ATM ed eventuali interessi attivi.

Alcuni istituti propongono anche promozioni piuttosto favorevoli, ad ogni modo è essenziale conoscere le offerte migliori al momento giusto, in quanto sono spesso proposte temporanee disponibili soltanto per poco tempo. In base ai confronti e alle analisi realizzate dal portale dedicato al risparmio chescelta.it, oggi i conti di Mediolanum e di sono i più convenienti sul mercato, tenendo conto non soltanto delle spese fisse e variabili ma del rapporto qualità-prezzo dei prodotti bancari.

Come scegliere il miglior conto corrente online e risparmiare

Per risparmiare sui costi del conto corrente online bisogna considerare una serie di caratteristiche e funzionalità. Innanzitutto è necessario partire dalle proprie esigenze, per capire di quali servizi si ha bisogno ed a quali invece è possibile rinunciare per ottenere una riduzione delle spese fisse. Questa fase preliminare consente di orientarsi in modo più consapevole, per evitare di sprecare tempo e agevolare la ricerca del prodotto più adatto alle proprie necessità.

Dopodiché, è indispensabile utilizzare i servizi di portali specializzati, per confrontare i conti correnti online in maniera semplice e veloce individuando rapidamente quelli più convenienti. In seguito è possibile leggere le recensioni dei conti più apprezzati, per approfondire l’analisi del prodotto bancario andando a verificare tutti i dettagli del servizio. In particolare, bisogna controllare con calma il contratto e tutti i costi applicati sulle operazioni non incluse nel canone.

Dopo la lettura del foglio informativo è possibile prendere una decisione, con tutte le informazioni necessarie a propria disposizione, per scegliere il conto online con il miglior rapporto tra la qualità e i costi del servizio. Nel dettaglio, è essenziale non valutare appena il risparmio economico, in quanto alcune soluzioni apparentemente più vantaggiose potrebbero non rivelarsi adatte. Per questo motivo, è necessario analizzare con attenzione tutte le tariffe e i servizi compresi e accessori, tenendo conto della propria operatività e, ovviamente, anche dell’affidabilità dell’istituto.

Ti potrebbe interessare
Economia / Philip Morris: pianificati investimenti in Italia fino a 600 milioni di euro in tre anni
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Ti potrebbe interessare
Economia / Philip Morris: pianificati investimenti in Italia fino a 600 milioni di euro in tre anni
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre