Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Bonus di 500 euro per biciclette e monopattini: come richiederlo e chi ne ha diritto

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 9 Mag. 2020 alle 10:42
596
Immagine di copertina

Bonus di 500 euro per biciclette e monopattini: come richiederlo

La convivenza con il Covid-19 andrà avanti per mesi e il Governo sta cercando di incentivare l’utilizzo di mezzi alternativi per evitare l’affollamento di bus e treni, nonché il congestionamento delle strade in vista di un lungo periodo di “distanziamento sociale”. Così si pensa a forme di mobilità green come la bici e il monopattino, che dovrebbero essere incluse nel nuovo “decreto Rilancio” che il Governo dovrebbe varare a giorni.

Sono emerse le prime anticipazioni dai due dei quattro ministeri coinvolti: Ambiente, Trasporti, Economia e Sviluppo economico). Come annunciato dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, dovrebbe essere stanziata la cifra di 125 milioni di euro. Si parla di un sussidio che consisterà nel finanziamento fino a 500 euro per l’acquisto di bici, bici elettriche e monopattini.

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha fornito le prime indicazioni pratiche durante la sua audizione alla Commissione Trasporti della Camera circa le ricadute da Coronavirus sul settore dei trasporti. “È allo studio e in dirittura d’arrivo il riconoscimento di un buono di mobilità alternativa, per i residenti nelle città metropolitane e aree urbane con più di 50mila abitanti, fino a un massimo di 500 euro per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, e monopattini”, ha annunciato.

Il bonus biciclette dovrebbe avere un valore massimo di 500 euro e andrebbe a coprire dunque circa il 65-70 per cento del costo della bicicletta o del monopattino. Ma, come anticipato, ne potranno farne richiesta solo i residenti in città con almeno 50mila abitanti. Non potranno beneficiarne i pendolari, come studenti e lavoratori fuori sede, che non hanno residenza nella città dove studiano o lavorano.

I punti ancora aperti sono due: la modalità di richiesta e quella di erogazione. Non è stato ancora spiegato se il sussidio verrà erogato ai rivenditori oppure agli acquirenti. In questo secondo caso, potrebbe essere rimborsato direttamente oppure corrisposto in forma di detrazione fiscale (come già avviene per esempio per le spese di ristrutturazione).

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Leggi anche: 1. Rezza a TPI: “La terapia al plasma? Funziona ma non sostituisce il vaccino” / 2. Il caso De Donno, il prof anti-élite che alla fine legge il comunicato impostogli dai capi / 3. Coronavirus, il virologo Galli: “Milano è una bomba, troppi infetti in giro. Si rischia di richiudere tutto”

596
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.