Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Bitcoin: la valuta digitale

Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Il Bitcoin è una valuta digitale creata da un programmatore di computer anonimo o da un gruppo di programmatori noto come Satoshi Nakamoto nel 2009. I proprietari di Bitcoin possono utilizzare vari siti Web per scambiarli con valute fisiche, come dollari USA o euro, oppure possono scambiarli con merci e servizi da una serie di fornitori.

Nakamoto era preoccupato che le valute tradizionali dipendessero troppo dall’affidabilità delle banche per funzionare correttamente. Nakamoto ha proposto una valuta digitale, Bitcoin, che potrebbe fungere da mezzo di scambio senza fare affidamento su istituzioni finanziarie o governi. La proposta è stata avanzata nell’ottobre 2008 in un documento pubblicato sul sito Web di Bitcoin, fondato nell’agosto 2008.

 

Come funzionano i Bitcoin?

La valuta digitale dei bitcoin si basa sulla crittografia a chiave pubblica, in cui gli utenti hanno una chiave pubblica che è disponibile per tutti da vedere e una chiave privata nota solo ai loro computer. In una transazione Bitcoin, gli utenti che ricevono Bitcoin inviano le loro chiavi pubbliche agli utenti che trasferiscono i Bitcoin. Gli utenti che trasferiscono le monete firmano con le loro chiavi private e la transazione viene quindi trasmessa sulla rete Bitcoin. Affinché nessun Bitcoin possa essere speso più di una volta alla volta, il tempo e l’importo di ogni transazione vengono registrati in un file di registro che esiste in ogni nodo della rete. Le identità degli utenti rimangono relativamente anonime, ma tutti possono vedere che alcuni Bitcoin sono stati trasferiti. Le transazioni vengono raggruppate in gruppi chiamati blocchi. I blocchi sono organizzati in una sequenza cronologica chiamata blockchain. I blocchi vengono aggiunti alla catena utilizzando un processo matematico che rende estremamente difficile per un singolo utente dirottare la blockchain. La tecnologia blockchain che è alla base di Bitcoin ha attirato una notevole attenzione, anche da parte degli scettici di Bitcoin, come base per consentire la conservazione di registri affidabili e il commercio senza un’autorità centrale.

 

Ecco come si “creano” i Bitcoin

I nuovi Bitcoin vengono creati dagli utenti che eseguono il client Bitcoin sui propri computer. Il client “estrae” i Bitcoin eseguendo un programma che risolve un difficile problema matematico in un file chiamato “blocco” ricevuto da tutti gli utenti della rete Bitcoin. La difficoltà del problema viene regolata in modo che, indipendentemente dal numero di persone che estraggono Bitcoin, il problema viene risolto, in media, sei volte all’ora. Quando un utente risolve il problema in un blocco, quell’utente riceve un certo numero di Bitcoin. L’elaborata procedura per l’estrazione di Bitcoin garantisce che la loro offerta sia limitata e cresca a un ritmo costantemente decrescente. Circa ogni quattro anni, il numero di Bitcoin in un blocco, che iniziava a 50, viene dimezzato e il numero massimo di Bitcoin consentito è leggermente inferiore a 21 milioni. Nel 2021 c’erano più di 18,6 milioni di Bitcoin e si stima che il numero massimo verrà raggiunto intorno al 2140. Per rimanere sempre aggiornato sul valore dei Bitcoin, ti consigliamo di usare .

Poiché l’algoritmo che produce Bitcoin li rende a un tasso quasi costante, i primi minatori di Bitcoin li ottenevano più spesso dei successivi minatori perché la rete era piccola. Il premio ricevuto dai primi utenti e il silenzio di Nakamoto dopo il 2011 hanno portato a criticare Bitcoin come schema Ponzi, con Nakamoto che ne ha beneficiato come uno dei primi utenti. (Un’analisi dei primi 36.289 blocchi estratti ha mostrato che un minatore, ritenuto Nakamoto, aveva accumulato oltre 1 milione di Bitcoin. Tuttavia, a partire dal 2021, quei Bitcoin, allora del valore di $ 50 miliardi, sono rimasti non spesi.) I difensori di Bitcoin affermano che i primi utenti dovrebbero ricevere un certo ritorno per aver investito in una tecnologia non provata.

 

Quanto valgono i Bitcoin

Il valore dei Bitcoin, come si può vedere sul suo grafico, rispetto alle valute fisiche ha oscillato selvaggiamente negli anni successivi alla sua introduzione. Nell’agosto 2010 un Bitcoin valeva $ 0,05 (USA). A partire da maggio 2011, il valore del Bitcoin è aumentato notevolmente, raggiungendo un picco di circa $ 30 in giugno, ma alla fine dell’anno il valore di un Bitcoin era crollato a meno di $ 3. Tuttavia, Bitcoin ha iniziato ad attirare l’attenzione degli investitori tradizionali e il suo valore è salito a oltre $ 1.100 nel dicembre 2013. Alcune aziende hanno persino iniziato a costruire computer ottimizzati per il mining di Bitcoin.

Ti potrebbe interessare
Economia / Leonardo fa affari d’oro con le guerre, ma allo Stato azionista restano pochi spiccioli
Economia / Le 9 previsioni sulla mobilità del futuro
Economia / Nel cuore di Roma il lancio di “Airport in the city”, il nuovo servizio di ADR
Ti potrebbe interessare
Economia / Leonardo fa affari d’oro con le guerre, ma allo Stato azionista restano pochi spiccioli
Economia / Le 9 previsioni sulla mobilità del futuro
Economia / Nel cuore di Roma il lancio di “Airport in the city”, il nuovo servizio di ADR
Economia / Innovazione protagonista agli Asecap Days 2024
Economia / Agricoltura: un’azienda di Montalcino al terzo posto nella classifica italiana delle imprese più sostenibili
Economia / L’Area Studi Mediobanca presenta il report “Le multinazionali industriali mondiali con focus sui Gruppi della Difesa”
Economia / Banca Ifis: l’utile netto del primo trimestre 2024 cresce a 47 milioni di euro
Economia / Perché gli allevamenti intensivi nuocciono gravemente (anche) alla nostre salute
Economia / Nuovi Ogm: le mani delle multinazionali della chimica sull’agricoltura europea
Economia / Egemonia alimentare: i 4 colossi che controllano il mercato della carne negli Usa