Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

“Start down”: in un libro i segreti dietro alle startup di successo

Immagine di copertina

Quanta fuffa e quante reali innovazioni portano le startup a funzionare e a creare economia reale?

Nel libro “Start Down – la crisi dei miti digitali e il risveglio dell’innovazione” i due autori Gabriele Colasanto e da Marco Rossella provano a spiegarlo.

La copertina del libro

2009-2019: il volume si propone di tracciare un bilancio sul mondo delle startup in Italia a distanza di oltre 10 anni da quando si iniziò ad investire su questi segmenti come volano di crescita e innovazione.

Spesso si parla di startup con un approccio tra il “mitologico” e il trionfalistico, gli autori hanno provato a mettere in discussione alcuni dei miti più diffusi con uno stile tanto ironico, quanto documentato.

L’età dell’oro della Silicon Valley è ancora il modello a cui guardare?Secondo Jack Ma, fondatore di Alibaba, nei prossimi 30 anni il mondo riceverà più sofferenza che felicità da Internet.

Mentre le aziende “Over The Top” continuano ad accumulare ricchezza giocando su opacitàfiscali e creazione di monopoli inattaccabili, in Italia organizziamo convegni e annunciamo provvedimenti miracolosi a favore delle startup, fingendo di disporre di carte economiche e infrastrutturali paragonabili “ai Paesi che in questi anni hanno saputo produrre unicorni”.

Nella realtà, i pochi risultati mappati dagli autori non hanno sin qui soddisfatto le tante ambizioni: servono nuove idee per costruire un modello finalmente originale.”Start Down” mette in discussione i miti del digitale soprattutto perché l’attuale scenario politico ed economico italiano si occupa a intermittenza di queste ambizioni, in un clima di perenne campagna elettorale.

Il libro non è solo una critica, ma anche un invito a riscoprire l’esistenza di basi solide per l’innovazione in Italia, senza dover per forza  imitare modelli di oltreoceano, ormai vecchi e essi stessi evoluti verso altre forme.

“I riders delle startup sono i nuovi schiavi”: il racconto shock dell’ex imprenditore diventato fattorino

Ti potrebbe interessare
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Ti potrebbe interessare
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco
Cultura / Ora basta, siamo stufi del qualunquismo della Ferragni che semplifica il dibattito sul ddl Zan