Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Rino Formica: “Siamo all’ultima chiamata prima della guerra civile nazionalsovranista”

Immagine di copertina

La profezia di Rino Formica, ex ministro socialista, in carica durante tutti gli anni '80

Rino Formica sul sovranismo: “Ultima chiamata prima della guerra civile”

Il socialista Rino Formica lancia l’allarme sul futuro politico dell’Italia ormai ostaggio del sovranismo di Salvini: “Se questa situazione va avanti, fra due anni Salvini si eleggerà il suo presidente della Repubblica, la sua Consulta, il suo Csm e il suo governo. Siamo al limite. Lo dico con Nenni: siamo all’ultima chiamata prima della guerra civile nazionalsovranista” dichiara in una lunga intervista con Daniela Preziosi per il manifesto dell’8 agosto.

Formica è stato uno storico dirigente del partito socialista, fu più volte Ministro durante gli anni ’80 ed ha sempre ammirato il ruolo del leader socialista Pietro Nenni. Secondo Formica, lo stato di salute delle nostre istituzioni è pessimo:  “Il presidente della Repubblica dovrebbe fare un messaggio sullo stato di salute delle istituzioni. Il presidente del consiglio non c’è più, il governo neanche, la funzione della maggioranza è mutata fra decretazione e voto di fiducia. Ormai, di fatto, una camera discute, l’altra solo vota. Si sta consumando un mutamento dell’equilibrio istituzionale. Il presidente ci deve dire se questa Costituzione è diventata impraticabile”.

Lo stato di salute delle istituzioni

Anche gli ultimi baluardi di resistenza democratica (la stampa e la magistratura) stanno crollando: “Oggi ci sono tribù che occupano posizioni che una volta erano del governo. Il presidente del consiglio convoca le parti sociali, ma il giorno dopo le convoca il ministro degli interni. Non c’è un governo, perché la sua attività è stata espunta; non ci sono i partiti né i sindacati. È la crisi dei corpi dello stato. Si assiste a un deperimento anche delle ultime sentinelle, l’informazione, la magistratura”.

Salvini riesce a proliferare perché manca un’alternativa: “È la mela marcia che infetta il cesto”. Il leader della Lega rischierebbe di mettere a repentaglio la democrazia, secondo Formica: “Salvini crea una novità nel nostro tessuto democratico. All’interno di un sistema di sicurezza crea una fazione istituzionale di partito: spezza un corpo dello stato in fazioni politiche. Il rischio è che nasca una polizia salviniana”. Le sue dichiarazioni in politica estera sarebbero, infatti, “al di fuori dei trattati a cui aderisce l’Italia”.

rino formica sovranismo
Rino Formica

L’intervento di Matterella come soluzione alla crisi della democrazia

L’unica soluzione possibile sarebbe un intervento del presidente della Repubblica. Il Pd infatti non avrebbe la forza sufficiente per porre argine al fenomeno “Salvini”. Mattarella ha la responsabilità di aver firmato il testo del decreto sicurezza bis, perché ha un’educazione politica che segue la lezione “conciliatrice” di Aldo Moro, che lo spinge a cercare sempre un compromesso tra le forze: “Moro stesso nell’ultimo discorso ai gruppi parlamentari Dc, prima del sequestro. Convince i suoi all’inclusione del Pci nel governo ma, aggiunge, se dovessimo accorgerci che fra gli inclusi e gli includenti c’è conflitto sul terreno dei valori, noi passeremo all’opposizione. L’inclusione insomma non può prescindere dai valori. Altrimenti porta alla distruzione dei valori anche di quelli che li hanno. Infatti il contratto non è un’intesa fra i valori ma tra gli interessi”, dichiara.

Una risposta è urgente perché secondo il socialista Formica “si sta creando il clima degli anni 30 intorno a Mussolini”. Mattarella deve quindi agire: “Non c’è tempo da perdere, deve rivolgersi al parlamento. L’opinione pubblica deve essere rimotivata, deve sapere che ha una guida morale, politica e istituzionale”. Ci vorrebbe un discorso di “drammatizzazione isituzionale” alle camere che risvegli le coscienze del paese e denunci il “deperimento democratico”, conclude.

Papa Francesco: “Il sovranismo ricorda Hitler e porta alle guerre”
Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé