Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

Alle Terme di Caracalla arriva la mostra sensoriale “Il segreto del tempo” di Fabrizio Plessi | VIDEO

Di Fabio Milani
Pubblicato il 4 Lug. 2019 alle 20:12 Aggiornato il 5 Lug. 2019 alle 11:54
0

Fabrizio Plessi, “Il segreto del tempo”

Terme di Caracalla – Roma

Fino al 16 ottobre 2019

È una bella mostra sensoriale che vi accompagnerà nello spazio sotterraneo alle Terme e da poco aperto al pubblico dopo anni di lunghi restauri.

Credit: Fabio Milani

Fabrizio Plessi grande artista italiano le cui opere sono sparse in tutto il mondo è stato uno tra i primi video artisti italiani. Ha realizzato 500 mostre personali, dal Centre Pompidou di Parigi (1982) al Guggenheim di New York (1998), dal Museum of Contemporary Art di San Diego ( 1998) al Guggenheim di Bilbao (2001).

Questa volta ci parla della storia di Roma, dove l’acqua e il fuoco sono due elementi fondamentali.

Si percorrono 200 metri nel sottosuolo, dove l’artista ha collocato 12 schermi enormi che ogni volta propongono argomenti storici dell’antica città a cominciare dalle sue anfore, marmi, vestigia, ricordando la figura di Caracalla, fino all’arrivo dell’acqua e del fuoco.

Credit: Fabio Milani

Il tutto accompagnato dalla musica di Michael Nyman che rende ancora più suggestiva la visione e l’accompagna tenendo alta l’aspettativa e la tensione.

Il pubblico è libero di girovagare e di trovare il proprio punto di vista.

Lo spettacolo dura 36 minuti. I video vengono proiettati su strutture metalliche a forma di totem, che richiamano l’architettura romana, alte quattro metri.

Di fronte a questi sono collocate delle vasche, con al loro interno del liquido vero, dove le immagini proiettate si riflettono creando un bellissimo effetto.

Credit: Fabio Milani

“Il segreto del tempo” di Plessi fa muovere il drappeggio di una statua di marmo, fa riprendere la vita al busto di Caracalla e fa riempire di acqua la sua capigliatura. Segue anche un omaggio a Giovanni Battista Piranesi creando un effetto con fumo nero che si materializza su un’acquaforte della celebre serie: le carceri d’invenzione creando un’effetto oppressivo.

Il percorso termina davanti ad un capitello vero e tra i migliori mantenuti alle Terme.

Il segreto del tempo è il libro dei libri, ovvero una videoinstallazione di più di cinque metri di larghezza che vi accoglierà appena arriverete e che vi mostrerà la storia dell’artista attraverso i suoi lavori eseguiti in tutto il mondo.

Avrete modo così anche di ammirare la videoinstallazione su Roma da lui presentata nel 1987 a documenta 8 di Kassel, fino a FENIX DNA, un’opera di acqua e fuoco che nel 2017 ha invaso gli spazi del teatro La Fenice di Venezia.

Una bella esperienza.

Carlos Quintana, l’arte cubana sbarca a Venezia e a Roma

Cosa vedere a Venezia oltre alla Biennale d’Arte: Burri, “La pittura, irriducibile presenza”

Cosa vedere a Venezia oltre alla Biennale d’Arte: l’universo femminile di Brigitte Niedermair

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.