Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Cosa vedere a Venezia oltre alla Biennale d’Arte: l’universo femminile di Brigitte Niedermair

Immagine di copertina
Credit: Fabio Milani

Brigitte Niedermair mostra Venezia

Brigitte Niedermair, Me and fashion 1996-2018

A cura di: Charlotte Cotton

Direzione scientifica di: Gabriella Belli, direttore Fondazione Musei Civici di Venezia.

Brigitte Niedermair mostra Venezia | Dove e quando vedere la mostra

Museo Palazzo Mocenigo, Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo.

Santa Croce 1992 – Venezia.

Fino al 24 novembre 2019

Credit: Fabio Milani
La mostra per chi non lo conosce permette di visitare questo magnifico e storico palazzo che colpisce per il suo gusto nei tessuti e nell’arredo.

Credit: Fabio Milani

Brigitte Niedermair è una fotografa di moda che ha lavorato e lavora per importanti atelier. Le sue donne decise e determinate dialogano con le opere, l’architettura e gli arredi del XVII e del XVIII secolo del palazzo.

Credit: Fabio Milani

Il suo universo femminile si lascia esplorare in un susseguirsi di set allestiti in ognuna delle sale e lascia sempre l’effetto sorpresa. In alcuni casi come dirà lei nel mio video intervista che è allegato al testo, si va oltre il genere.

Credit: Fabio Milani

I suoi lavori seguono la storia dell’arte con riferimenti che vanno da Fidia ad Arciboldo, da De Chirico a Magritte, da Man Ray a Christian Schad passando per Andy Warhol e Allen Jones.

Credit: Fabio Milani

Nella casa di Brigitte avviene un cocktail di perversione e di verginità nello sguardo, di narcisi, di sosia, di allusioni erotiche e di feticismo. Il tutto realizzato con grazia e con eleganza.

Credit: Fabio Milani

Alla fine prevale uno stupefacente dialogo tra donna e donna senza che si rimanga turbati e la sostituzione dei dipinti antichi con le sue opere crea una rappresentazione più vera e attuale, quasi si trattasse di un ascesi verso “inquietanti immagini di un’angelica, perdurante ossessione erotica”.

Credit: Fabio Milani

Molto bella la sua monografia Me and Fashion edita da Damiani.

Cosa vedere a Venezia oltre alla Biennale d’Arte: Burri, “La pittura, irriducibile presenza”

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore