Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

“How to survive a deadly global virus”: il dissacrante progetto fotografico che prende in giro la psicosi da coronavirus

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 27 Feb. 2020 alle 08:03 Aggiornato il 27 Feb. 2020 alle 08:07
28k
Immagine di copertina

Coronavirus, le mascherine nelle foto di Max Siedentopf

Aumentano i casi di contagio da coronavirus nel mondo, sale la psicosi, e anche gli artisti ci mettono del loro per rappresentarla o dissacrarla: come Max Siedentopf, un designer tedesco namibiano che con le sue foto delle mascherine ha cercato di ironizzare sull’epidemia.

Nelle foto del progetto “How to survive a deadly global virus”, Siedentopf ritrae i suoi soggetti coperti da mascherine molto particolari, create con oggetti di uso comune: da un barattolo di Nutella a un reggiseno, da una buccia d’arancia a una foglia di insalata.

L’intento sembra quello di ironizzare sul panico e i comportamenti psicotici che si sono diffusi tra la popolazione in questi giorni. In Italia, a pochi giorni dall’esplosione del focolaio autoctono, in alcune città gli abitanti hanno letteralmente svuotato i supermercati ammassando le file all’ingresso, anche nei luoghi che non fanno parte delle “zone rosse” identificate come cluster. E le mascherine sono ormai andate a ruba, così come i barattoli di amuchina.

Ma sono molti gli utenti social che non hanno apprezzato il progetto del fotografo, che definiscono insensibile e fin troppo dissacrante rispetto a un problema reale e a un virus che si sta diffondendo anche in Italia, paralizzando diversi settori dell’economia, dal turismo ai trasporti.

Leggi anche:

Coronavirus in Italia, ultime notizie: 12 morti, 400 contagiati. Fontana in quarantena per 2 settimane. Primo caso accertato in Puglia. Camera approva il decreto.

Milano, via Paolo Sarpi è irriconoscibile: tutto chiuso per coronavirus (di Selvaggia Lucarelli) | VIDEO

TPI REPORTAGE da Codogno, il paese fantasma con l’incubo del contagio da Coronavirus (di Giulio Cavalli)

Coronavirus in Italia, Burioni a TPI: “Chi è tornato dalla Cina senza sintomi doveva essere isolato. Ora niente panico: quarantena per tutti i possibili infetti”

28k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.