Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

L’opera d’arte da un milione di dollari creata con settemila pillole di ecstasy

Immagine di copertina
“The Spirit of Ecstasy” è l'ultima opera d'arte creata da Chemical X. Credit: Chemical X / Instagram

Lo “Spirito dell'ecstasy” è stato realizzato da Chemical X, artista di cui non si conosce l'identità, in collaborazione con lo scultore britannico Schoony

Un’opera d’arte del valore di oltre un milione di dollari sarà presentata a Londra, nei prossimi giorni. Intitolata “The spirit of Ecstasy”, l’installazione artistica è opera di Chemical X, artista di cui non si conosce l’identità e del britannico Schoony, lo scultore preferito di Brad Pitt e Angelina Jolie.

L’opera è una rappresentazione surreale di una super-modella, realizzata in silicone, fibra di vetro e con l’utilizzo di ben settemila pillole di ecstasy. L’artista Chemical X aveva già creato un’altra opera con l’ausilio di questa droga, nel 2015 aveva infatti realizzato un murales con oltre 10mila pasticche.

Chemical X, famoso nel Regno Unito per aver disegnato il logo dell’etichetta discografica britannica Ministry of Sound, ha rappresentato nella sua creazione una modella e attrice di cui però non ha voluto rivelare l’identità.

Secondo il quotidiano britannico Evening Standard, la donna rappresentata in “The spirit of Ecstasy” presenta una forte somiglianza con Cara Delevingne, una super-modella e attrice britannica di 25 anni.

L’opera è stata presentata sul profilo ufficiale Instagram di Chemical X, come anteprima per la sua mostra di Londra che avverrà in una località ancora ignota della capitale britannica alla fine di settembre 2017.

In questa esibizione, l’artista presenterà altre 16 opere realizzate con l’ausilio di oltre 17mila pillole di ecstasy. Le pasticche dello stupefacente sono state tutte realizzate in un laboratorio privato.

Una percentuale del prezzo di vendita di queste opere sarà devoluta a The Loop, un’organizzazione per la prevenzione della tossicodipendenza che opera nel Regno Unito.

Durante il Secret Garden Party 2016, organizzato in Cambridgeshire, nell’Inghilterra orientale, con l’avallo del Consiglio e delle forze di polizia locale, l’associazione ha proposto l’introduzione in via sperimentale di un servizio di analisi in loco di sostanze stupefacenti.

Circa duecento persone usufruirono di questo servizio, per il quale oltre all’analisi delle pillole sottoposte al test erano previsti anche dieci minuti di informativa circa l’uso di droghe e le conseguenti implicazioni di rischio e di salute.

Un post condiviso da Chemical X (@chemical_x_lab) in data:

Ti potrebbe interessare
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Ti potrebbe interessare
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / La pandemia ha ucciso il cinema: viaggio nelle sale che hanno chiuso i battenti e mai più riaperto
Cultura / Un libro di corsa: le 10 mappe che spiegano il mondo