Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Biennale di Venezia 2019: al via la prestigiosa esposizione internazionale d’arte

Immagine di copertina
Credits: Biennale di Venezia 2019

Biennale di Venezia 2019 | Date apertura 2019 | Info biglietti | Orari | Come arrivare 

Tutto pronto per la Biennale di Venezia 2019: questa edizione sarà dedicata all’arte e aprirà i battenti sabato 11 maggio ai Giardini dell’Arsenale. Intitolata “May You Live In Interesting Times”, l’esposizione internazionale di arte contemporanea è stata curata da Ralph Rugoff, attuale direttore della Hayward Gallery di Londra.

La Mostra si svilupperà tra il Padiglione Centrale ai Giardini e l’Arsenale e vi prenderanno parte 79 artisti provenienti da tutto il mondo; sarà affiancata da 90 partecipazioni nazionali negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia.

Sono 4 i paesi che per la prima volta parteciperanno alla Biennale d’Arte: Ghana, Madagascar, Malesia e Pakistan. La Repubblica Dominicana, invece, debutterà con un proprio padiglione.

Il Padiglione Italia alle Tese delle Vergini in Arsenale, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane, è a cura di Milovan Farronato già direttore del Fiorucci Art Trust, centro di ricerca e produzione artistica contemporanea con sede a Londra.

Biennale di Venezia 2019 | Date apertura 

Organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, la 58esima Esposizione Internazionale d’Arte aprirà al pubblico l’11 maggio per chiudere il 24 novembre. “Il titolo di questa Mostra può essere letto come una sorta di maledizione” – ha raccontato il presidente – nella quale l’espressione ‘interesting times’ evoca l’idea di tempi sfidanti e persino minacciosi.

Ma può essere anche un invito a vedere e considerare sempre il corso degli eventi umani nella loro complessità, un invito pertanto che ci appare particolarmente importante in tempi nei quali troppo spesso prevale un eccesso di semplificazione, generato da conformismo o da paura. E io credo che una mostra d’arte valga la pena di esistere, in primo luogo, se intende condurci davanti all’arte e agli artisti come una decisiva sfida a tutte le inclinazioni alla sovrasemplificazione”.

Biennale di Venezia 2019 | Orari

La 58esima Esposizione Internazionale d’Arte è aperta, sia Giardini che Arsenale, dalle 10 alle 18. L’Arsenale, fino al 5 ottobre, chiuderà alle 20 il venerdì e il sabato. Il giorno di chiusura è il lunedì (escluso 13 maggio, 2 settembre, 18 novembre).

Biennale di Venezia 2019 | Biglietti

I biglietti per la Biennale di Venezia 2019 possono essere acquistati online direttamente sul sito: l’intero costa 25 euro ma sono previste riduzioni per studenti e over 65. L’ingresso è gratuito per i bambini fino ai 6 anni compiuti, accompagnatori di persone con invalidità certificata, studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado che usufruiscono dei servizi educational.

Su prenotazione è possibile prendere parte anche a visite guidate in italiano e in inglese.

Biennale di Venezia 2019 | Artisti

Gli artisti che prenderanno parte a questa edizione a cura di Ralph Rugoff sono:

Lawrence Abu Hamdan, Njideka Akunyili Crosby, Halil Altındere, Michael Armitage, Korakrit Arunanondchai, Alex Gvojic, Ed Atkins, Tarek Atoui, Darren Bader, Nairy Baghramian, Neïl Beloufa, Alexandra Bircken, Carol Bove, Christoph Büchel, Ludovica Carbotta, Antoine Catala, Ian Cheng, George Condo, Alex Da Corte, Jesse Darling, Stan Douglas, Jimmie Durham, Nicole Eisenman, Haris Hepaminonda, Cyprien Gaillard, Gauri Gill, Dominique Gonzalez-Foerster, Shilpa Gupta, Soham Gupta, Martine Gutierrez.

Rula Halawani, Anthea Hamilton, Jeppe Hein, Anthony Hernandez, Ryoji Ikeda, Arthur Jafa, Cameron Jamie, Kahlil Joseph, Zhanna Kadyrova, Suki Seokyeong Kang, Mari Katayama, Bul Lee, Weu Liu, Maria Loboda, Andreas Lolis, Christian Marclay, Teresa Margolles, Julie Mehretu, Ad Minoliti, Jean-Luc Moulène, Zanele Muholi, Jill Mulleady, Ulrike Müller, Nabuqi, Otobong Nkanga, Khyentse Norbu, Frida Orupabo, Jon Rafman.

Gabriel Rico, Handiwirman Saputra, Tomás Saraceno, Augustas Serapinas, Avery Singer, Slavs and Tatars, Michael E. Smith, Hito Steyerl, Tavares Strachan, Sun Tuan e Peng Yu, Henry Taylor, Rosemarie Trockel, Kaari Upson, Andra Ursuta, Danh Vo, Kemang Wa Lehulere, Apichatpong Weerasethakul, Tsuyoshi Hisakado, Margaret Wertheime Christine Wertheim, Anicka Yi, Xiuzhen Yin e Ji Yu.

Biennale di Venezia 2019 | Come arrivare

Dal 1980 l’Arsenale è diventato luogo espositivo della Biennale, anno della prima edizione della Mostra Internazionale di Architettura. I Giardini sono sede tradizionale delle Esposizioni d’Arte della Biennale fin dalla prima edizione nel 1895 e furono realizzati da Napoleone agli inizi dell’Ottocento.

Anche quest’anno ci saranno delle agevolazioni con Il Gruppo FS Italiane: sono previste riduzioni sull’acquisto dei biglietti d’ingresso alla manifestazione di cui Trenitalia è il vettore ufficiale.

La misura è rivolta ai soci di CartaFRECCIA muniti di un titolo di viaggio delle Frecce (Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca) con destinazione Venezia e data di viaggio antecedente al massimo tre giorni dalla visita, e ai possessori di abbonamento regionale, annuale o mensile, di Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Non solo Biennale, sono previsti anche 21 gli Eventi collaterali promossi da enti e istituzioni nazionali e internazionali senza fini di lucro. Organizzati in varie parti della città, propongono un’ampia offerta di contributi e partecipazioni che arricchiscono il pluralismo di voci che caratterizza la Mostra.

“Una Mostra che si concentrerà sul lavoro di artisti che mettono in discussione le categorie di pensiero esistenti e ci aprono a una nuova lettura di oggetti e immagini, gesti e situazioni – ha spiegato il curatore Ralph Rugoff – Un’arte simile nasce dalla propensione a osservare la realtà da più punti di vista, ovvero dal tenere in considerazione nozioni apparentemente contraddittorie e incompatibili”.

Insomma la Biennale di Venezia è uno di quegli eventi a cui bisogna partecipare almeno una volta nella vita.

Riapre il Giardino di Ninfa alle porte di Roma: tutto quello che c’è da sapere per visitarlo

Dormire a casa di Monet? Ora è possibile: ecco come vivere un’esperienza da sogno

Questo borgo in Puglia vi offre tutto agosto in vacanza gratis. Ecco come fare

Per entrare a Venezia non basterà pagare, ma bisognerà anche prenotare

Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco