Sapore di Marche, un week end per buongustai: il 15 e 16 dicembre l’evento a LeArtigiane

Di TPI
Pubblicato il 13 Dic. 2018 alle 08:59 Aggiornato il 13 Dic. 2018 alle 10:00
0
Immagine di copertina

Sapore di Marche | LeArtigiane | Roma | 15 e 16 dicembre 2018

SAPORE DI MARCHE – I vini, l’olio, i salumi, il miele, i dolci, le farine e tanto altro. Le Marche sbarcano al centro di Roma. Dove? a LeArtigiane (via di Torre Argentina 72, a due passi dal Pantheon) dove il 15 e 16 dicembre 2018 va in scena Sapore di Marche. Un week end per buongustai.

Due giorni in cui si potrà entrare in contatto con diverse aziende marchigiane:

Azienda agricola di Edoardo Dottori (Maiolati Spontini-Ancona): nasce nel 2009 dalla passione di un ragazzo appena maggiorenne e produce vino ed olio.

Azienda Agricola Luca Bianchi (Fabriano-Ancona): Prodotti naturali, genuini e dal gusto unico. Dentro ogni vasetto è custodita una storia che nasce dal lavoro instancabile delle api. I mieli si distinguono per il loro gusto, colore e consistenza, caratteristiche che li rendono unici e preziosi.

Mulino Bravi 1565 (Cingoli-Macerata): La bontà della farina dipende da un’accurata selezione delle materie prime, rigorosamente biologiche e provenienti dal territorio circostante. Da 450 anni la stessa tecnica e attenzione.

Gastone Palombini (Filottrano-Ancona): la famiglia Palombini, è una delle più vecchie Filiere delle Marche nel Settore Suinicolo. I prodotti sono ottenuti con ingredienti naturali.

Cantine del Cardinale (Serra de’ Conti-Ancona): La famiglia Cardinali è erede di un’antica ricetta di metà 800, tramandata dai propri antenati. Nelle terre marchigiane nascono spontanee le ciliegie selvatiche (Prunus Cerasus varietà austera). Con lo stesso spirito di rispetto e preservazione degli antichi sapori, la famiglia Cardinali ha deciso di produrre la “Visciolata del Cardinale”, bevanda tipica marchigiana dei Castelli di Jesi, ottenuta, nel rispetto della tradizione contadina, da vino, visciole e zucchero.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.