Covid ultime 24h
casi +13.902
deceduti +318
tamponi +184.684
terapie intensive +95

Arrivano le zone “rosso scuro”: cos’è e come funziona il piano anti-Covid dell’Ue

In Italia sono 3 le Regioni che, insieme alla provincia autonoma di Bolzano, rischiano di essere indicate come "rosso scuro", con l'obbligo di di test e quarantena per gli spostamenti

Di Anna Ditta
Pubblicato il 25 Gen. 2021 alle 16:42 Aggiornato il 25 Gen. 2021 alle 16:55
113
Immagine di copertina
La presidente della commissione europea Ursula von der Leyen. Credit: Ansa

C’è anche l’Italia tra i Paesi Ue che avranno alcune zone “rosso scuro”, ovvero le aree considerate dall’Europa ad alto rischio Covid. Ad annunciarlo è stato il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, anticipando i risultati di una simulazione della nuova mappa del contagio in Ue realizzata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

La caratteristica principale delle aree rosso scuro, decisa pochi giorni fa al summit in videoconferenza dei leader europei, è l’obbligo di test e quarantena per le persone che, dal loro interno, si spostano verso altri Paesi Ue. L’obiettivo è limitare al massimo gli spostamenti non essenziali nell’Ue, anche per arginare la diffusione delle varianti del Covid, pur mantenendo le frontiere aperte.

Zone rosso scuro in Italia: ecco quali sono le Regioni a rischio

Le aree che rischiano di essere indicate come “rosso scuro” in Italia sono il Veneto, il Friuli-Venezia Giulia e l’Emilia Romagna. A queste si aggiungerebbe la provincia autonoma di Bolzano. Oltre all’Italia, sono “dieci-venti Paesi Ue” che avranno zone rosso scuro, come ha chiarito Reynders. Tra queste ci sono ampie aree di Portogallo, Spagna, Francia, Germania e Paesi scandinavi.

Cosa sono le zone rosso scuro

La proposta Ue delle zone “rosso scuro” è la via indicata al vertice europeo di pochi giorni fa sull’emergenza Covid, soprattutto su pressione di Germania e Francia. Ma le misure devono ancora essere messe a punto prima di entrare in vigore. La zona, come spiega il Corriere, “non dovrebbe coincidere con uno Stato ma potrebbe essere identificata con un’area più circoscritta investita da un’ondata di contagi”.

Le zone rosso scuro dovrebbero essere chiuse in entrata e in uscita. Chi volesse uscirne dovrebbe dimostrare, oltre alla necessità dello spostamento, di avere il risultato di un test negativo al momento della partenza e osservare un periodo di quarantena al punto di destinazione. Ma molti dettagli sul funzionamento di queste “zone” dovranno ancora essere definiti dai vertici europei, nella speranza di trovare una linea comune.

Leggi anche: 1. Vaccino Covid, se Pfizer non rispetta gli impegni le penali non scattano in automatico: cosa dice il contratto con l’Ue /2. Il caos del piano vaccini: con i ritardi l’immunità di gregge rischia di slittare /3. Le Regioni verso il cambio di colore: la Basilicata spera di diventare “zona bianca” / 4. Come nascono le varianti del virus, la spiegazione di Roberto Burioni

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

113
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.