Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:35
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Vicenza, prostituta positiva al Coronavirus si rifiuta di fornire i contatti dei clienti

Immagine di copertina

A Vicenza una prostituta 23enne di origine nigeriana, risultata positiva al Coronavirus, si è rifiutata di fornire i contatti dei suoi clienti per poter avviare l’indagine epidemiologica per motivi di “privacy”. La donna, residente ufficialmente a Trento e attualmente ricoverata nel reparto di malattie infettive dell’ospedale San Bortolo per fare in modo che rispetti l’obbligo di isolamento domiciliare, secondo quanto racconta Il giornale di Vicenza non vorrebbe rivelare i contatti avuti negli ultimi giorni, compresi quelli con i clienti, né fornire alcuna informazione utile a tracciare la catena del contagio.

S&D

Motivo per cui il Sisp  – il Servizio di igiene pubblica – sta avendo grosse difficoltà nell’intraprendere l’indagine; giunta al pronto soccorso insieme ad un uomo probabilmente originario dell’Est Europa (e probabilmente suo protettore) con febbre, mal di testa e bruciore all’apparato genitale, la 23enne è stata sottoposta al tampone risultando positiva al Covid-19. Il suo accompagnatore, una volta conosciuto il risultato del test, ha fatto perdere le sue tracce prima che anche per lui scattasse l’obbligo di quarantena e attualmente è ricercato dalla polizia. Un caso, questo, analogo a quello che, solo qualche giorno fa, ha visto protagonista una escort di origine peruviana, positiva al Coronavirus e ricoverata nell’ospedale di Foligno: la donna, una 54enne, aveva incontrato diversi clienti a Modica, in Sicilia, prima di mettersi in viaggio verso l’Umbria.  “Fatevi controllare, anche a rischio di farvi scoprire dalle vostre mogli”, sono state le parole che il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, ha rivolto ai suoi cittadini.

Leggi anche: 1. “Con la proroga dello Stato di emergenza a rischio le libertà fondamentali”: il costituzionalista Cuocolo a TPI / 2. Coronavirus, la proposta shock: “Infettare giovani volontari per accelerare col vaccino” / 3. “I raggi ultravioletti distruggono il Coronavirus in pochi secondi”: lo studio
/4. Coronavirus, la storia del “paziente 206”: il superuntore che ha contagiato oltre 1.000 persone nello Sri Lanka / 5. Coronavirus, il Guardian: “Così l’Europa ha ignorato l’Sos italiano a fine febbraio”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Cronaca / Femminicidi, Amnesty: "97 donne uccise, 64 da partner o ex"
Cronaca / Pandoro Ferragni-Balocco, per il giudice ci fu una “pratica commerciale scorretta”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Cronaca / Femminicidi, Amnesty: "97 donne uccise, 64 da partner o ex"
Cronaca / Pandoro Ferragni-Balocco, per il giudice ci fu una “pratica commerciale scorretta”
Cronaca / Piero Fassino denunciato per furto a Fiumicino: “Ma io volevo pagare”
Cronaca / Roma, ventenne stuprata da due nordafricani: adescata su Instagram
Cronaca / Processo Bochicchio, altro rinvio. E ora le parti civili puntano a far riaprire le indagini
Cronaca / Roma, allarme in hotel del centro per esalazioni tossiche: cinque intossicati
Cronaca / Roma, ragazza precipita da muro del Pincio: portata in codice rosso in ospedale
Cronaca / TPI insieme a Domani per la libertà di stampa in Italia
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”