Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

Valentina insultata sul treno dai bulli perché cinese: “Mi hanno sputato addosso”

La studentessa di 19 anni è nata e cresciuta in Italia e non è la prima volta che si trova a fronteggiare episodi di razzismo

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 20 Gen. 2020 alle 11:36
2.4k
Immagine di copertina
Valentina Wang Credit: Facebook

Valentina e gli sputi addosso perché cinese: l’episodio di razzismo in treno

Valentina Wang, una studentessa 19enne di origini cinesi, con cittadinanza italiana, ha denunciato un episodio di razzismo di cui sarebbe rimasta vittima domenica 19 gennaio su un treno regionale, a Mestre.

La ragazza, in un post sul suo profilo Facebook, ha raccontato di essere stata insultata, con frasi razziste e sessiste, e riempita di sputi da un gruppo di giovani bulli – alcuni minorenni – che l’avrebbero presa di mira solo per l’evidenza delle sue origini cinesi.

La giovane, che vive a Badia Polesine (provincia di Rovigo), frequenta l’Università Ca’ Foscari a Venezia. Lo scorso anno, al compimento dei 18 anni, ha ricevuto dal sindaco il certificato con la cittadinanza italiana.

L’episodio razzista, iniziato sulla pensilina della stazione di Mestre, sarebbe poi proseguito a bordo del treno regionale che doveva portare la 19enne a casa.

“Sono tutti saliti sul treno – racconta Valentina – e dopo che è passato il controllore, hanno iniziato ad esagerare, facendomi versi razzisti e sessisti. Allora non ho più tollerato e ho iniziato a rispondere a tono. I ragazzi, probabilmente molto frustrati, hanno iniziato a dirmi “magnamerda tornatene al tuo paese” e altre cose simili che mi stanno facendo venire gli occhi lucidi solo a ricordarle.

Gli sputi sul treno regionale

Dopo un po’ hanno smesso, ma prima di scendere hanno pensato bene di sputarmi addosso e farmi il dito medio fuori dalla carrozza”. Valentina ha affidato la denuncia dell’aggressione a un post che è diventato subito virale su Facebook.

Nello scompartimento c’era solo un altro ragazzo, che però sarebbe rimasto in disparte. Sull’episodio è intervenuta anche la direzione regionale di Trenitalia, annunciando l’avvio di accertamenti.

Sulla questione è intervenuto il direttore regionale di Trenitalia Veneto, Tiziano Baggio: “Faremo subito degli accertamenti, voglio incontrare la viaggiatrice per darle la nostra solidarietà”.

La polizia ferroviaria sta compiendo accertamenti dopo la denuncia della studentessa e non è escluso che vengano visionate le immagini di sorveglianza girate sul convoglio sul quale viaggiava la giovane, che ha raccontato l’episodio appena rientrata a casa.

Leggi anche:

Razzismo: “Guardate cosa ho trovato al mio risveglio davanti casa stamattina. In Italia non si può vivere”

Arriva il sì del Senato alla Commissione Segre contro razzismo e antisemitismo: Lega e Forza Italia si astengono

Liliana Segre a TPI: “La Commissione razzismo serve per vincere contro gli odiatori seriali”

“Il nero non entra”: l’episodio di razzismo in un camping a Riccione. L’avvocato a TPI: “Li quereleremo”

2.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.