Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Le università sono diventate delle palestre di sfruttamento

Immagine di copertina
Credit: Ingmar Björn Nolting/laif

Parla la studentessa che ha denunciato il precariato della formazione davanti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

Ho 22 anni e sono al terzo anno di medicina all’Università di Siena. Per l’inaugurazione dell’Anno Accademico mi sono ritrovata a parlare al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La sua presenza è stata fondamentale perché il discorso delle studentesse e degli studenti diventasse di risonanza nazionale. Un po’ era quello che volevamo: che ci ascoltassero e per la prima volta è stato così, nella speranza che tutto questo porti a qualcosa.

L’università purtroppo non è nell’agenda della politica e neanche in quella dell’informazione. Le facoltà ormai sono palestre di sfruttamento, luoghi iper-performativi dove noi studenti siamo sfruttati soprattutto durante i tirocini. Durante gli internati, ad esempio in reparti di medicina, ci viene chiesto del lavoro che esula dalla scrittura della tesi ovviamente senza compenso. Altre categorie molto sfruttate sono i dottorandi e gli specializzandi in medicina. Questi a differenza degli internati ricevono uno stipendio che ancora una volta è una miseria. I turni in ospedale durano più di quelli che dovrebbero soltanto per riuscire a farsi sentire e a far capire a chi ti segue che si ha dell’interesse nell’apprendere conoscenze, possiamo dire che sia una forma di speranza di essere considerati. Ai dottorandi vengono negati i fondi per la ricerca, ma anche il tempo per una vita sociale. Gli esami sono una performance, il voto è uno status symbol: il sistema ci porta ad essere squali con i compagni…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Cronaca / Covid, intera famiglia stroncata dal virus: non erano vaccinati
Cronaca / No vax pentito scrive un libro: “Ho creduto di morire, spero di convincere i dubbiosi”
Cronaca / Fabio Fazio contro i no vax: “Disinformazione riempie ospedali, non si può dare spazio”