Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Sii coraggioso come l’Ucraina”: l’operazione di war-branding del governo ucraino apparsa nelle città italiane

Immagine di copertina

In alcune città italiane sono apparse delle gigantografie pubblicitarie che inneggiano a essere “coraggiosi come l’Ucraina”. Si tratterebbe infatti di una campagna motivazionale, con un investimento significativo, promossa dall’associazione brave.ua. Una sorta di un arruolamento morale, un “I want you” dello zio Sam in versione 2.0., come ha fatto notare la giornalista Selvaggia Lucarelli in un editoriale sul quotidiano Domani, che ne ha dato notizia.

Sul sito dell’associazione, già citato da alcune delle principali testate globali come Vice e il New York Times, appare la scritta: “Quando è iniziata la guerra, il mondo ci ha dato tre giorni. Abbiamo dato al mondo la possibilità di vedere cos’è il coraggio ucraino. Gli ucraini sono diventati la nazione più coraggiosa del mondo. Ora ci citano, ci ammirano, si ispirano a noi e ci dedicano una standing ovation. Non solo politici e governi, ma anche la gente comune. Oggi tutta l’umanità sa che il coraggio è essere ucraino”.

Dal sito è inoltre possibile scaricare una serie materiali come il finto passaporto ucraino, loghi per poster e t-shirt con slogan che inneggiano sempre al “coraggio,” e una serie di video patinati che riportano le note immagini della guerra: dalla signora anziana aiutata dal pompiere a lasciare la sua casa in fiamme, alla ragazza con i cani. C’è anche un video chiamato “Molotow”, in cui vengono mostrati gli ingredienti con cui costruire un ordigno incendiario.

I manifesti luminosi di questa imponente campagna globale sono apparsi nelle principali città del mondo: Milano, Roma, Londra, New York, Amsterdam, Washigton, Stoccolma e via dicendo, con lo scopo di promuovere l’affissione di sticker e slogan, organizzare manifestazioni e fare donazioni per sostenere l’Ucraina. Come fa notare la Lucarelli, in un video caricato sul sito ufficiale del governo datato 7 aprile, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dichiara: “Essere coraggiosi è il nostro brand, porteremo il nostro coraggio nel mondo!”

Andando a vedere, il sito è opera della Banda Agency, un’agenzia creativa ucraina con sede a Kiev e a Los Angeles, che aveva già collaborato col governo ucraino in altre campagne. Accanto al logo di Banda appaiono altre agenzie creative rinomate che hanno sostenuto l’operazione, come Dentsu e Publicis.

La mente del progetto sarebbe nientemeno che il vice primo ministro ucraino e ministro della Trasformazion Digitale Mykhailo Fedorov, 31 anni, cresciuto col mito di Elon Musk. In passato Fedorov ha dichiarato di voler rendere il Paese il più grande hub IT in Europa. Il ministro sarebbe anche riuscito a convincere le principali aziende di Silicon Valley a boicottare la Russia e attraverso i  suoi canali ha avviato una sorta di talent-scouting digitale, dichiarando di voler creare un “esercito digitale” per “continuare a combattere sul fronte cyber”.

Per ora non è dato sapere con quali fondi, e in un momento come questo, sia stata avviata una campagna così massiccia.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”
Cronaca / I bodyguard della Roma picchiano due giornalisti alla cena della squadra: “Dateci le foto!”
Cronaca / Suicidio assistito, l'appello di Fabio Ridolfi: "Lo Stato mi aiuti a morire"
Cronaca / Mosca convoca l’ambasciatore italiano: 24 diplomatici espulsi dalla Russia
Cronaca / Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”
Cronaca / Liliana Segre invita Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah: “Se venisse qui molti giovani la seguirebbero”
Cronaca / Covid: rimane l’obbligo di mascherina Ffp2 su tutti voli in Italia