Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

L’ultima straziante chiamata del turista francese morto nel Cilento al 118: “Aiutatemi, sto morendo di male!” | AUDIO

Quando chiama i soccorsi Simon è disperso, con le gambe rotte e un insopportabile dolore

Turista francese morto nel Cilento, ultima chiamata: “Sto morendo di male”

Del turista francese morto nel Cilento c’è un’ultima, straziante, chiamata. Simon Gautier è caduto in un dirupo mentre faceva un trekking in solitaria nella zona montuosa del salernitano. Dichiarato disperso dal 9 agosto scorso, è stato poi ritrovato morto. Agli atti c’è una telefonata al 118, il pronto intervento sanitario: “Mi potete aiutare? Sono caduto in una scarpata e mi sono rotto le gambe. Sto morendo di male”.

> Lo strazio dell’amica di Simon Gautier dopo il ritrovamento del corpo dell’escursionista

La telefonata è drammatica, perché il 27enne transaplino dichiara di non sapere esattamente spiegare dove si trova, né riesce a fornire coordinate di latitudine e longitudine. “Non so dove sono, mi potete localizzare? Stavo camminando e sono caduto. Sono solo, non ricordo da dove sono partito”, dice.

Simon ha la consapevolezza della gravità delle sue condizioni: “Sto morendo di male”, ripete.

Il dialogo con l’operatrice sanitaria è concitato, il giovane tenta di ricordare qualche dettaglio. L’unica cosa che emerge è che il turista è partito da Policastro. “Volevo tornare verso Napoli. All’inizio c’era un piccolo sentiero, poi l’ho perso e poi sono caduto”.

La telefonata termina con l’indicazione di tenere acceso il telefono per favorire le ricerche. “Non sapendo dove si trova provo con i carabinieri se possono localizzare il suo cellulare, tenga libero il cellulare”. Da quel momento di Simon Gautier non si ha più nessuna notizia.

Sono state usate varie tecniche per ritrovare il camminatore: ricerche a piedi, utilizzo dei droni, della motovedetta. L’area identificata era di 143 chilometri quadrati compresa tra i territori di Policastro, Scario e Punta degli Infreschi. Dopo nove giorni, accanto al suo zaino da trekking, in fondo ad un dirupo di 40 metri di profondità, è stato ritrovato il corpo senza vita di Simon.

> Turista francese morto, è polemica sui ritardi dei soccorsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, i residenti a TPI: “Un forte boato, poi una puzza insopportabile”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo