Me
HomeCronaca

Tredicenne disabile allontanato da casa insieme ai suoi genitori per ordine del giudice: “Disturba i vicini”

Il provvedimento è stato adottato dal GIp di Messina circa una settimana fa: a denunciare l'accaduto è stata l'attrice Maria Grazia Cucinotta

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 6 Dic. 2019 alle 14:21 Aggiornato il 6 Dic. 2019 alle 15:03
Immagine di copertina

Tredicenne disabile allontanato da casa dal giudice: “Disturba i vicini”

Allontanato da casa perché “disturba i vicini”: è quanto accaduto a Messina a un tredicenne disabile.

L’incredibile vicenda è stata denunciata dall’attrice Maria Grazia Cucinotta, che all’Ansa ha raccontato questa “storia paradossale” avvenuta circa una settimana fa.

Secondo quanto ricostruito, il tredicenne, affetto da Adhd, una grave sindrome psichica, è stato allontanato da casa insieme ai suoi genitori e alla sorellina di 8 anni per ordine del Gip di Messina, il quale ha motivato il provvedimento con il fatto che il ragazzino disturbava i vicini.

“Il provvedimento emesso dal Gip di Messina – racconta la Cucinotta – è stato adottato perché una coppia di vicini, dicendosi esasperata dal comportamento del ragazzo, ha presentato denunce”.

“Il giudice ha addirittura deciso di applicare il braccialetto elettronico ai genitori del giovane, per dissuaderli dall’avvicinarsi all’abitazione”.

Una volta emersa, la notizia in breve tempo ha fatto il giro dei principali mezzi d’informazione oltre che dei social network, dove la maggior parte delle persone ha espresso la propria indignazione. La misura, infatti, è ritenuta ingiusta soprattutto viste le condizioni del tredicenne, che ha una disabilità.

Leggi anche:

“Mio figlio con disabilità lasciato solo in classe nelle ore di ginnastica. E ora escluso anche dalla gita”: la madre a TPI

Donatella, studentessa disabile: “Nessuno vuole affittarmi una stanza”