Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Torino, transgender aggredita per strada mentre passeggia con il suo fidanzato: “Fro**i, vi ammazzo”

Immagine di copertina
Credit foto: gay.it

Torino: ragazza transgender aggredita insieme al suo fidanzato

A Torino una ragazza transgender è stata aggredita in strada mentre passeggiava con il suo fidanzato. La vicenda, che si è svolta lo scorso 7 maggio in una zona periferica della città, è stata denunciata dal sito gay.it.

“Io e il mio ragazzo siamo andati a cena fuori – racconta Silvia, la vittima dell’aggressione – Io ero vestita al femminile, ma senza tacchi o gonna. Indossavo un semplice jeans, una felpa e un po’ di trucco. Passeggiavo a braccetto con il mio fidanzato, quando un ragazzo si è alzato di scatto e ci ha urlato “fr**i di merda! Io vi ammazzo!”.

“Io l’ho guardato in faccia e lui mi ha detto ‘non mi devi neanche guardare perché ti ammazzo! Devi stare muto…’ Parlandomi al maschile, nonostante io fossi truccata, vestita al femminile e con il reggiseno” continua Silvia.

“Ha provato a tirarmi un calcio ma era ubriaco e io l’ho schivato. In quel momento non sapevo se mi avrebbe colpita, perché stava proprio a fianco a me. Noi abbiamo fatto finta di niente, abbiamo cercato di mantenere la calma, in fondo eravamo soltanto a 200 metri dall’albergo, però era un punto isolato, non c’era in giro nessuno a parte noi. Lui continuava a urlarci dietro ‘fr**i! Fr**i di me**a! Vi ammazzo! Non dovete dire niente!”.

Silvia non sa dire cosa abbia scatenato quella reazione (“Io e il mio ragazzo stavamo solo camminando a braccetto”), ma racconta anche che si tratta della seconda aggressione nel giro di cinque anni, motivo per cui, da allora, gira con lo spray al peperoncino in tasca.

“Venerdì prima di uscire l’ho posato. Mi sono detta ‘Torino è una città lgbt-friendly, sta migliorando, non c’è bisogno che me lo porti dietro'”.

La vicenda è stata commentata su Facebook anche dal sindaco di Torino, Chiara Appendino, che ha scritto: “A essere stata aggredita non è solo Silvia ma tutta Torino, a nome della quale voglio esprimere a lei e a tutta la comunità LGBT la più sincera vicinanza. Non sarà un simile, vigliacco, gesto a oscurare il nostro impegno per l’inclusione di tutte e tutti, ma è sempre più evidente la necessità di una legge, il ddl Zan”.

Leggi anche: Pesaro, 18enne aggredito dal branco per smalto sulle unghie: “Un ragazzo ha cercato di darmi fuoco alle dita”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Cronaca / Pregliasco a TPI: “Priorità ai vaccinati? È una scelta normale, altrimenti restano a casa i casi gravi”
Cronaca / Venezia, Malkovich in laguna per girare una serie tv: respinto dall’Hotel per il green pass scaduto
Cronaca / Raoul Bova a processo con l’accusa di lesioni e minacce: fece a botte con un automobilista
Cronaca / Meloni positiva al Covid a Natale. Negativa alla ripresa delle attività
Cronaca / Ruby ter, difesa Berlusconi chiede rinvio processo per elezione Quirinale. Giudici accolgono
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / “In passato abitavo ai Parioli e avevo tre Ferrari”. La storia di Alberto che oggi vive per strada