Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Dramma a Torino: padre uccide figlio di 11 anni e poi si spara

Immagine di copertina

Dramma nella notte nel Torinese: un uomo di 47 anni ha ucciso il figlio di 11 e poi si è tolto la vita a Rivara, nel Canavese.

Il 47enne, operaio in un’azienda meccanica, ha utilizzato una pistola non legalmente detenuta per uccidere il figlio. Poi, con la stessa arma, si è tolto la vita. L’allarme è scattato poco prima delle due. Quando il personale del 118, con l’ausilio dei vigili del fuoco di Rivarolo Canavese, è riuscito ad entrare all’interno dell’abitazione, non ha potuto far altro che constatare quanto accaduto.

Sul caso indagano i carabinieri del comando provinciale di Torino. L’uomo era separato dalla compagna e soffriva di depressione. Prima del gesto avrebbe scritto un lungo post indirizzato alla moglie nel quale annunciava le sue intenzioni e raccontava dei suoi problemi.  Prima il mal di schiena che ha compromesso anche l’uso di una gamba e poi la depressione.. “Attacchi di panico, tachicardia, non riuscivo a dormire la notte, avevo spesso ansia. La depressione è una malattia che ti logora internamente, ti devasta giorno per giorno. Ho perso la mia battaglia contro la depressione. Ho perso la fiducia, non ho più voglia di soffrire”.

Quando abbiamo iniziato a convivere ero l’uomo più felice del mondo, poi é arrivato Andrea, il nostro sogno. Tutto bellissimo fino a quando ho iniziato ad avere problemi di schiena e un danno permanente a una gamba- scrive- Una settimana prima mi avevi chiesto di sposarti ma poi hai iniziato ad allontanarti. Ho rischiato di perdere l’uso delle gambe, da quel momento sono caduto in depressione. Sono stanco dentro, ho la mente distrutta. Sì sono accorti tutti che stavo male, tutti tranne te”.

Poi un appello: “Per tutti quelli che leggeranno questo post chiedo soltanto il silenzio. Abbiate rispetto per i miei genitori e per mia sorella. Mi rivolgo ai bikers: accompagnateci con le Harley, voglio sentire il rombo dei motori e ricordatevi di noi ogni volta che andrete in moto”. “Andrea e il suo papà per sempre insieme”. Si conclude così un lungo post del 47enne.

Qui le altre notizie di cronaca
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Biella, va a fare il vaccino con un avambraccio in silicone: scoperto e denunciato
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Biella, va a fare il vaccino con un avambraccio in silicone: scoperto e denunciato
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Esclusivo TPI – Ancora ombre sulla gara per il cloud pubblico: “Incontri fra governo e Big Tech già nel 2020”
Cronaca / Galimberti a TPI: “Nella società dell’efficienza se non sei produttivo non esisti”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / C’è una scuola che insegna a sbagliare: “Gli errori possono renderci migliori”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena