Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Torino, muore in carcere dopo aver perso 25 chili: il caso finisce in tribunale

Immagine di copertina
Presidio dei carabinieri all'esterno del carcere Lorusso e Cutugno alle Vallette, Torino. Credit: ANSA/TINO ROMANO

Torino, muore in carcere dopo aver perso 25 chili: il caso finisce in tribunale

Morto in carcere a 28 anni dopo aver perso 25 chili di peso. È finito in tribunale il caso di Antonio Raddi, morto due anni fa al carcere delle Vallette, dopo numerose segnalazioni della garante dei detenuti alla direzione del penitenziario.

I familiari hanno chiesto di non archiviare l’inchiesta sulla sua morte, dopo che la procura ha chiesto una seconda consulenza tecnica sul caso.

Il giovane, affetto da una patologia neurologica dall’infanzia, era arrivato alle Vallette il 28 aprile 2019 dopo una condanna per rapine, maltrattamenti ed evasione. Al suo ingresso in carcere aveva un peso di 80 chili, arrivato a circa 50 chili a novembre. Raddi diceva di non riuscire a mangiare ma gli operatori del carcere credevano che stesse fingendo.

Secondo il suo compagno di cella, il 13 dicembre ha iniziato a “vomitare sangue, defecare e svenire” ed è stato al pronto soccorso dell’ospedale Maria Vittoria, dove è entrato in coma, prima di morire il 30 dicembre.

“Diceva sempre che non stava bene e ai miei genitori chiedeva aiuto, ma cosa potevano fare? Andavano da lui una volta a settimana”, ha riferito la sorella Natascia Raddi alla testata locale Cronaca Qui. “Durante l’ultima visita, era sulla sedia a rotelle. La dottoressa che l’ha visitato al Maria Vittoria, ha detto che lo stato in cui era non è qualcosa che succede dal giorno alla notte”, ha aggiunto.

Il caso era stato segnalato nove volte dalla garante delle persone detenute Monica Gallo alla direzione del carcere, che aveva risposto due settimane dopo la prima segnalazione, risalente al 7 agosto, negando ci fossero state “particolari criticità”.

Nelle settimane successive i genitori avevano visto il figlio sempre più “deperito” e il 23 settembre, la garante aveva parlato di un “drammatico peggioramento dello stato fisico e psichico”. Il 19 novembre la referente del Serd aveva nuovamente allertato la garante, affermando nelle settimane successive che Raddi non riusciva più “a ingerire né solidi né liquidi”. Dopo una visita del 4 dicembre la garante aveva scritto che il ragazzo “implora di intervenire, ha le stesse sembianze di Stefano Cucchi”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”