Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Terze dosi operatori sanitari, Italia a macchia di leopardo: “Assoluta diseguaglianza tra le Regioni”

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Entra nel vivo la fase terza dose della campagna vaccinale anti Covid-19. Dopo gli ultra fragili e gli over 80 anche per gli operatori sanitari inizia questa nuova fase.

Ma, nonostante l’esperienza, sembra che anche in questo caso si proceda a macchia di leopardo, con aree del Paese dove le somministrazioni sono già partite e altre dove non c’è ancora nessuna indicazione. Lo denunciano i ‘Medici ed odontoiatri liberi professionisti per vaccinazione Covid 19’, gruppo Facebook che conta quasi 4mila iscritti, e che sul tema ha già scritto nelle scorse settimane al presidente del Consiglio Mario Draghi, al ministro della Salute Roberto Speranza e al commissario Francesco Paolo Figliuolo.

“Sta purtroppo avvenendo ciò che speravamo non accadesse più: assoluta diseguaglianza tra le varie Regioni per la somministrazione della dose booster ai sanitari. Ci auguriamo di non dover ricominciare il pellegrinaggio verso i vari centri vaccinali e speriamo, invece, di avere risposte alle nostre legittime domande”, dice all’Adnkronos Salute il medico romano Paolo Mezzana, tra gli amministratori della pagina Fb.

“In Campania, Toscana e Sicilia le vaccinazioni sono già iniziate per tutti i sanitari da giorni – prosegue Mezzana – La Liguria ha annunciato che vaccinerà tutti senza distinzioni, il Piemonte ha iniziato con alcuni ospedalieri giovedì scorso, ma senza poi dare altre indicazioni. La Lombardia è in attesa forse per il 22 ottobre”.

“Questa organizzazione così frastagliata – osserva Mezzana – ci riporta allo scorso inverno, quando interi comparti della sanità erano stati esclusi. Chiediamo quindi più chiarezza, trasparenza e soprattutto uguaglianza in tutte le regioni. Il rischio di esposizione di un sanitario non può variare a seconda del luogo di residenza”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 4.866 casi e 50 morti: tasso di positività allo 0,9%
Cronaca / È arrivato il numero 7 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 4.866 casi e 50 morti: tasso di positività allo 0,9%
Cronaca / È arrivato il numero 7 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Ddl Zan, Letta: “Prove generali per il Quirinale, Italia allineata a Polonia e Ungheria”
Cronaca / Trieste, focolaio Covid tra i manifestanti no green pass: “È solo la punta dell’iceberg”
Cronaca / Maltempo in Sicilia e Calabria: il vero ciclone si formerà nella serata di oggi
Cronaca / Governo: “Vaccino J&J scade dopo due mesi”. Ma hanno tradotto male dall’inglese
Cronaca / Covid, oggi 4.598 casi e 50 morti: il bollettino del 27 ottobre 2021
Cronaca / Bassetti: "Favorevole al lockdown per i non vaccinati"
Cronaca / I voli di Ita Airways non possono atterrare quando c’è la nebbia
Cronaca / Cammina nudo in tangenziale: talento della pallanuoto causa incidente a Roma