Taranto, medico contagia colleghi con Coronavirus all’ospedale di Castellaneta: “Ha mentito su febbre”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 20 Mar. 2020 alle 13:56 Aggiornato il 20 Mar. 2020 alle 15:05
1.3k
Immagine di copertina

Taranto, medico contagia colleghi con Coronavirus: “Ha mentito su febbre”

Primari e infermieri, in tutto circa una decina, per ora, i casi positivi al Coronavirus tra medici e operatori sanitari dell’ospedale di Castellaneta, in provincia di Taranto. A causare questo focolaio sarebbe stato un medico dello stesso nosocomio. Si tratterebbe del vice direttore sanitario dell’ospedale. L’uomo sarebbe stato a Milano nella prima settimana di marzo e, dopo aver avvertito sintomi la scorsa settimana, non avrebbe rispettato i protocolli dettati dalle autorità sanitarie nazionali per l’emergenza coronavirus. A lanciare l’allarme è stato il sindaco della cittadina, nonché presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Gugliotti.

“Quello che è accaduto è gravissimo, inaudito, inconcepibile. Un medico, che lavora in ospedale, è andato lì, in nosocomio, e invece di passare dal pre-triage come prevedono la procedura e i protocolli, è andato regolarmente al pronto soccorso, come se nulla fosse, e da lì è andato poi nei reparti”,ha dichiarato il sindaco di Castellaneta.

“A Castellaneta – prosegue il sindaco – non avevamo nessun caso fino a tre giorni fa. Chiediamo a tutti i cittadini di rispettare le regole e di restare a casa, è inaccettabile che a causare tutto ciò sia stata la leggerezza di un medico che è stato venerdì scorso nei reparti di pronto soccorso, pneumologia e radiologia, nonostante si sentisse poco bene. Stiamo facendo le verifiche del caso e stiamo avendo conferma delle eventuali violazioni del protocollo, ma mi dicono tutti che sia andata purtroppo così”.
Entro domani, sabato 21 marzo, dovrebbero arrivare i risultati di tutti i 54 tamponi che hanno riguardato a tappeto le persone entrate a contatto col medico. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha denunciato alla procura di Taranto il caso.

1.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.