Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Strage di Capaci, il pentito rivela: “Un ex poliziotto mise l’esplosivo per l’attentato a Falcone”

Immagine di copertina
La strage di Capaci

Dichiarazioni pesanti di Pietro Riggio, che collabora con la giustizia dal 2009.

Strage Capaci, il pentito: ex poliziotto mise l’esplosivo per uccidere Falcone

Un pentito di mafia parla della partecipazione di un ex poliziotto alla preparazione dell’attentato di Capaci del 23 maggio 1992 in cui morirono il giudice Giovanni Falcone, sua moglie e tre uomini della scorta. È quanto rivela oggi il quotidiano Repubblica in un articolo a firma di Salvo Palazzolo. A fornire informazioni sulla strage e sul coinvolgimento di un uomo che aveva fatto parte delle forze dell’ordine Pietro Riggio, 54 anni, che collabora con la giustizia dal 2009.

Il pentito, ex agente di polizia penitenziaria ed ex mafioso di Caltanissetta, alcuni mesi fa,  dopo la sentenza sulla trattativa tra Stato e mafia, ha chiesto di tornare di nuovo davanti ai magistrati che indagano sugli attentati a Falcone e a Paolo Borsellino.

Riggio ha intenzione di parlare di un poliziotto chiamato “turco”. “Mi ha confidato – sono le parole messe a verbale davanti ai pm di Caltanissetta, riportate da Repubblica – di aver partecipato alla fase esecutiva delle strage Falcone, si sarebbe occupato del riempimento del canale di scolo dell’autostrada con l’esplosivo, operazione eseguita tramite l’utilizzo di skate-bord”.

Si tratta di affermazioni pesanti, perché fino ad oggi le sentenze annoverano solo uomini delle cosche a preparare la strage nei pressi all’autostrada dove fu ucciso Falcone.

Ai magistrati Riggio ha spiegato anche perché le dichiarazioni sono arrivate a distanza di molti anni. “Fino ad oggi ho avuto paura di mettere a verbale certi argomenti, temevo ritorsioni per me e per la mia famiglia. Ma, adesso, i tempi sono maturi perché si possano trattare certi argomenti”, riporta ancora Repubblica.

Processo Mafia Capitale, la sentenza della Cassazione: “Mondo di mezzo non è mafia”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”
Cronaca / Falconiere della Lazio fa il saluto romano e inneggia al Duce allo stadio
Cronaca / “Fate girare i nomi degli indagati della morte di Giulio Regeni”. L’appello della famiglia
Cronaca / Chi era Mustapha Manneh, il boscaiolo 32enne morto sul lavoro schiacciato da un albero nel Bellunese
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila