Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Si ustiona con una tazza di tè e Starbucks le offre un risarcimento di 84mila euro

Immagine di copertina
A destra la madre della ragazzina ustionata Siobhan Mooney

Tazza di tè Starbucks ustiona dodicenne| Starbucks offre risarcimento

La dodicenne Demi Mooney si è ustionata con il tè di Starbucks nel dicembre 2014. La madre ha intentato una causa legale contro la multinazionale e cinque anni dopo l’azienda le ha offerto un risarcimento di 75mila sterline (equivalenti a 84mila euro).

Demi si trovava con la nonna nella caffetteria Starbucks di Henry Street a Dublino. Secondo quanto riportato dal tabloid The Sun, la ragazzina teneva nella mano sinistra un “Frappuccino”, mentre con la destra stringeva un biscotto. Ha ordinato anche una tazza di tè ma, non sapendo come afferrarla, ha commesso l’imprudenza di mettersela sotto al braccio.

La bevanda bollente all’interno della tazza le si è incidentalmente rovesciata addosso e la pelle si è subito ustionata al contatto. La ragazza è stata soccorsa da un medico e da un’infermiera nel negozio e poco dopo un’ambulanza l’ha trasportata al vicino ospedale pediatrico di Temple Street.

Starbuck: arriva anche a Roma la più nota catena di caffetterie del mondo

La madre ha accusato Starbucks di non aver fornito alla figlia un vassoio dove poter appoggiare tutte le bevande acquistate. Il procedimento giudiziario si è concluso con il patteggiamento che ha permesso alla famiglia di ottenere un cospicuo risarcimento.

L’incidente oltre ad averle causato ustioni permanenti sul corpo le ha anche provocato forti danni psicologici. Tutta la sua adolescenza è rimasta segnata da questo singolo episodio.

La giovane ha infatti dovuto subire diverse operazioni di chirurgia estetica e per anni ha continuato a indossare camicie a maniche lunghe. Era questo l’unico modo che aveva per sfuggire agli sguardi interrogativi e nascondere le bruciature. Il giudice Garrett Simons ha dunque approvato la cifra proposta dal legale della madre Michael Byrne e ha ritenuto ragionevole il compenso richiesto.

La corsa di Starbucks: in programma 15 nuovi negozi in Italia

Starbucks, 15 assurde curiosità e retroscena della caffetteria più famosa al mondo

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La guerra mediatica fra le tv sul caso di Denise Pipitone
Cronaca / Roma, cuoca rapinata e violentata nella sala mensa della scuola
Cronaca / Covid, 6.946 casi e 251 morti nell'ultimo giorno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La guerra mediatica fra le tv sul caso di Denise Pipitone
Cronaca / Roma, cuoca rapinata e violentata nella sala mensa della scuola
Cronaca / Covid, 6.946 casi e 251 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Migranti, il sindaco di Lampedusa a TPI: “Salvini ora è al Governo, ci aiuti anziché fare propaganda”
Cronaca / “Io, malata di Sla assistita per anni da Martina Ciontoli, vi racconto chi è davvero la ragazza che avete odiato”
Cronaca / Migranti, a Lampedusa 2mila arrivi in 24 ore. Salvini preme su Draghi: “Porti chiusi”
Cronaca / Abrignani (Cts): “A giugno in Italia avremo circa 10 morti al giorno”
Cronaca / Coprifuoco a mezzanotte? L’alt di Speranza: chiede di posticipare al 24 maggio
Cronaca / Salernitana in serie A, muore 28enne durante i festeggiamenti
Cronaca / Vaccini, direttore medico Pfizer Italia: "Attenersi agli studi su richiamo a 21 giorni"