Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Si ustiona con una tazza di tè e Starbucks le offre un risarcimento di 84mila euro

Immagine di copertina
A destra la madre della ragazzina ustionata Siobhan Mooney

Tazza di tè Starbucks ustiona dodicenne| Starbucks offre risarcimento

La dodicenne Demi Mooney si è ustionata con il tè di Starbucks nel dicembre 2014. La madre ha intentato una causa legale contro la multinazionale e cinque anni dopo l’azienda le ha offerto un risarcimento di 75mila sterline (equivalenti a 84mila euro).

Demi si trovava con la nonna nella caffetteria Starbucks di Henry Street a Dublino. Secondo quanto riportato dal tabloid The Sun, la ragazzina teneva nella mano sinistra un “Frappuccino”, mentre con la destra stringeva un biscotto. Ha ordinato anche una tazza di tè ma, non sapendo come afferrarla, ha commesso l’imprudenza di mettersela sotto al braccio.

La bevanda bollente all’interno della tazza le si è incidentalmente rovesciata addosso e la pelle si è subito ustionata al contatto. La ragazza è stata soccorsa da un medico e da un’infermiera nel negozio e poco dopo un’ambulanza l’ha trasportata al vicino ospedale pediatrico di Temple Street.

Starbuck: arriva anche a Roma la più nota catena di caffetterie del mondo

La madre ha accusato Starbucks di non aver fornito alla figlia un vassoio dove poter appoggiare tutte le bevande acquistate. Il procedimento giudiziario si è concluso con il patteggiamento che ha permesso alla famiglia di ottenere un cospicuo risarcimento.

L’incidente oltre ad averle causato ustioni permanenti sul corpo le ha anche provocato forti danni psicologici. Tutta la sua adolescenza è rimasta segnata da questo singolo episodio.

La giovane ha infatti dovuto subire diverse operazioni di chirurgia estetica e per anni ha continuato a indossare camicie a maniche lunghe. Era questo l’unico modo che aveva per sfuggire agli sguardi interrogativi e nascondere le bruciature. Il giudice Garrett Simons ha dunque approvato la cifra proposta dal legale della madre Michael Byrne e ha ritenuto ragionevole il compenso richiesto.

La corsa di Starbucks: in programma 15 nuovi negozi in Italia
Starbucks, 15 assurde curiosità e retroscena della caffetteria più famosa al mondo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Cronaca / Trani, scontro in volo tra due ultraleggeri: due morti e tre feriti
Cronaca / Lecco, perde il controllo della moto e investe pedoni: due morti e un ferito
Cronaca / Venezia, uomo si suicida davanti ai turisti vicino a Piazza San Marco
Cronaca / Forlì, marito e moglie trovati morti in casa: si sarebbero suicidati sparandosi in contemporanea
Cronaca / Macerata, maltrattamenti su un’alunna disabile: due arresti
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi