Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Accoltellato il rapper Simba La Rue dopo l’aggressione al rivale. Lui si difende: “Faccio musica, non la guerra”

Immagine di copertina

Il rapper 23enne Simba La Rue, nome d’arte di Mohamed Lamine Saida, è stato accoltellato la scorsa notte durante una lite a Treviolo in provincia di Bergamo. Secondo i primi accertamenti dei carabinieri, il giovane di origini tunisine, cresciuto tra Francia e Italia e residente a Lecco, stava accompagnando a casa la fidanzata, che abita a Treviolo. Erano le 3 di notte e il rapper e la ragazza avevano appena parcheggiato l’auto quando un giovane armato di coltello lo ha aggredito. Così quella che inizialmente era sembrata una discussione nata in strada in modo casuale, sembra essere stato frutto di un vero agguato.

O meglio, secondo alcuni, una vendetta: Simba La Rue, che è stato ricoverato all’ospedale, ma non sarebbe in pericolo di vita, la settimana scorsa aveva a sua volta picchiato in diretta su Instagram un altro rapper, Baby Touché. Che però si è subito difeso sui social dicendo: “Io faccio musica, solo musica, tutto il resto lasciatelo lontano da me, che non voglio fare la guerra”, ha detto. “Nessuno di noi vuole una madre che piange”, ha aggiunto”. A scatenare la prima aggressione era stato un “dissing”, un attacco di La Rue a Touché in uno dei suoi rap.

Poi  sui social è iniziata a circolare quella che sembra una sorta di rivendicazione. Dal profilo “Samir.pd_” su Instagram è stata pubblicata una storia in cui si vede un pavimento e due gambe, con una serie di scritte: “Volevi Samir e hai avuto Samir, ora fai una diretta e riprenditi in faccia… Sono venuto da te con le palle quadrate ha visto senza 20 persone. Perché i problemi si risolvono faccia a faccia non in gruppo ci sono stati errori da entrambi i gruppi ora hai pagato e la storia finisce qui”. Il riferimento sarebbe proprio al gruppo di Simba La Rue, originario di Lecco. “Non ho nulla con i ragazzi di Lecco ne conosco qualcuno e mi sta simpatico” si legge nella stessa storia su Instagram. La vicenda però sembra non essere finita. Dal profilo Instagram di Simba La Rue sono state pubblicate in queste ore altre parole minacciose: stories con le scritte “Occhi aperti” e “Mi riprendo presto fate attenzione alle vostre spalle”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Cronaca / Lo chef stellato Andrea Aprea: “Ho assunto trenta persone. Se paghi il giusto le trovi”
Cronaca / Fratelli Bianchi, la madre: “Sentenza ingiusta. Condannati a furor di popolo”
Cronaca / Il Papa nominerà due donne al dicastero dei Vescovi: è la prima volta nella storia
Cronaca / Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”
Cronaca / Consumi, le famiglie non hanno mai speso così tanto per energia, gas e carburanti
Cronaca / Napoli, bufera sulla pizzeria “Dal Presidente” per una storia omofoba su Instagram
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”