Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Scuole chiuse e niente rischi per i nonni: quando l’unica salvezza per le famiglie italiane sono le baby sitter

Immagine di copertina

Sono oltre 8 milioni i bambini rimasti a casa dopo la chiusura delle suole in tutta Italia per l'emergenza coronavirus. Governo al lavoro su voucher baby sitter e congedi

Scuole chiuse e niente rischi per i nonni: quando l’unica salvezza sono le baby sitter

Con la chiusura delle scuole in tutta Italia sono oltre 8 milioni i bambini che resteranno a casa fino al 15 marzo a causa delle misure prese dal governo per il contrasto alla diffusione del coronavirus. La scelta, ritenuta dagli esperti necessaria per salvaguardare il sistema sanitario nazionale, determina però innegabili inconvenienti e disagi per le famiglie in cui entrambi i genitori lavorano e non possono rimanere a casa. Il governo, tramite il ministro per la Famiglia, Elena Bonetti, ha fatto sapere che sta pensando a voucher baby sitter e congedi per i genitori.

“Sto pensando a possibilità di sostegno per i costi delle baby sitter, con i voucher, si tratta di proposte per le quali ci sono in corso valutazioni economiche”, ha detto Bonetti in un’intervista a Circo Massimo, su Radio Capital. “Anche i nonni che sono così preziosi nel welfare della nostra società e oggi vanno tutelati, quindi dare anche la possibilità di evitare troppo contagio tra i bambini e i nonni, con congedi straordinari per i genitori. Sono misure che si dovranno attivare fin da ora”, ha spiegato la ministra.

Scuole chiuse, l’opzione baby sitter

Per i genitori che non possono restare a casa e non possono lasciare i bambini ai nonni (o magari non vogliono, per tutelarli dai possibili rischi legati al coronavirus), l’unica opzione resta quella di contattare una baby sitter, e sobbarcarsi i relativi costi. La tendenza è già realtà: “Le richieste di baby-sitter nell’ultima settimana (dal 27 febbraio ad oggi) in Italia sono cresciute del 17 per cento sul nostro sito”, ha detto all’Adnkronos Jules Van Bruggen, fondatore e titolare di Sitly, una piattaforma che mette in contatto genitori e baby-sitter e che oggi in Italia conta oltre 700mila iscritti.

E per quanto riguarda i costi? Ipotizzando un servizio di babysitting per cinque ore al giorno (anche se per i bambini che frequentano le scuole a tempo pieno le ore sarebbero necessariamente di più) e per cinque giorni alla settimana, in concreto, le famiglie rischiano di dover spendere tra oggi e il 15 marzo circa 280 euro in più.

Il costo medio per una babysitter, infatti, secondo i dati pubblicati dalla piattaforma Yoopies, che incrocia domanda e offerta di servizi di assistenza all’infanzia, a settembre 2019, è di circa 7,90 euro all’ora (anche se il costo varia in base alla regione e alla qualifica della persona). Calcolando almeno 7 giorni lavorativi tra oggi e il 15 marzo, il calcolo è presto fatto.

Senza contare che le scuole di Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna, le più colpite dall’emergenza coronavirus, sono state chiuse da lunedì 24 febbraio, per cui il periodo di tempo da coprire per le famiglie è ben più lungo e che, laddove la misura del governo dovesse essere prorogata anche oltre il 15 marzo, le difficoltà per le famiglie potrebbero farsi pressanti.

Leggi anche:

1. Assenze, Maturità, didattica: cosa cambia con la chiusura delle scuole per il Coronavirus / 2. Le chat di classe ai tempi del Coronavirus

3. Coronavirus, l’annuncio premier Conte: “Chiuse scuole e università in tutta Italia fino a metà marzo”/ 4. Tutte le ultime notizie sul coronavirus in Italia

5. Scuole chiuse, non tutti gli studenti esultano: “Senza metodi alternativi, maturità a rischio”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Si decide per l'obbligo di Green Pass a docenti e ristoratori. Le restrizioni su navi e aerei
Cronaca / Il bambino tetraplegico rimasto senza alimenti per l’attacco hacker alla regione Lazio
Cronaca / Agrigento, l’appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Si decide per l'obbligo di Green Pass a docenti e ristoratori. Le restrizioni su navi e aerei
Cronaca / Il bambino tetraplegico rimasto senza alimenti per l’attacco hacker alla regione Lazio
Cronaca / Agrigento, l’appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita
Cronaca / Green pass: lo avranno anche vaccinati o guariti all'estero
Cronaca / Immunizzato il 61,8% della popolazione italiana
Cronaca / Il report dell’Aifa sui vaccini: 16 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate
Cronaca / Imola, violenta la figlia 15enne e la mette incinta
Cronaca / 21 morti e 6.596 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 3,05%
Cronaca / Stella di David all’ingresso del bar: la protesta di un gestore contro il Green Pass
Cronaca / Focolaio di Covid a un matrimonio, almeno 40 invitati positivi