Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Esclusivo TPI: “La scuola così non è sicura”. Le lettere di diffida degli insegnanti ai presidi

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 21 Ago. 2020 alle 16:23 Aggiornato il 21 Ago. 2020 alle 16:27
65
Immagine di copertina

“Vi ricordo le responsabilità che vi assumete nei confronti di tutti gli alunni per qualsiasi misura di sicurezza doveste adottare per i medesimi”, si rivolgono così gli insegnanti e i genitori nelle diffide indirizzate ai presidi e inviate anche al Comitato tecnico-scientifico per non riaprire le scuole a settembre senza un piano di sicurezza specifico che stanno arrivando in queste ore a decine in tutti gli Istituti d’Italia e che TPI può mostrare in esclusiva.

Dibattito infuocato

Il dibattito sulla riapertura della scuola è molto teso in queste ore in Italia. Sul tavolo c’è la questione dell’isolamento degli alunni e dei professori che risultano positivi, l’uso dei banchi con le rotelle e la mancanza di un vero e proprio piano nel caso in cui dovessero crearsi dei focolai.  Secondo insegnanti e genitori “così la scuola non è sicura”. Ma la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina assicura che la riapertura avverrà il 1 settembre, nonostante tutto.

Mascherine e didattica online: il rifiuto

Da nord a sud, da Rozzano a Latina (due delle diffide in nostro possesso), gli insegnanti e le famiglie chiedono a gran voce il ritorno alla normalità per i loro alunni. E sono molto duri su due aspetti: le mascherine e la didattica online. Gli insegnanti dicono che “non si può tornare indietro, al momento della quarantena, perché bisogna garantire a tutti un’istruzione”. Si legge nella diffida: “Riguardo l’uso della mascherina, mentre potrebbero esservi dei pericoli/effetti collaterali dannosi nell’uso della stessa, oltre a danni di uso psicologico, comunico la mia contrarietà all’utilizzo durante l’intero orario scolastico”. E sulle lezioni via connessione: “Non daremo il nostro consenso alla partecipazione dei nostri figli alla didattica a distanza”. (Qui il PDF della diffida degli insegnanti, mentre qui quella dei genitori).

Cosa rispondono i presidi

Antonello Giannelli, a capo dell’Associazione nazionale presidi, risponde così alle accuse mosse dagli insegnanti nelle lettere: “Le diffide sono prive di fondamenti. Sono stati compiuti molti sforzi, il governo ha investito molto, i presidi hanno lavorato tutta l’estate e non si può vanificare questo lavoro per deliranti richieste e sospetti di inadeguatezza del sistema scolastico. Non condivido le posizioni di coloro che minacciano i dirigenti per ricorso alle vie legali perché non vogliono ci sia la ripartenza della scuola”.

Tra misurazioni dell’ampiezza delle aule, distanziamento, mascherine e gel, consegna ritardata dei banchi monoposto e ricerca di nuovi locali, i dirigenti scolastici si trovano in un momento cruciale. E per rispondere a tutti questi nodi hanno meno solo due settimane.

Leggi anche: 1. Basta, la scuola deve riaprire! Certo, ma siamo sicuri di avere un piano adeguato che tuteli i nostri figli? / 2. Quel pasticciaccio brutto del Comitato tecnico scientifico sulla scuola in 10 mosse / 3. Covid, Crisanti a TPI: “Altro che discoteche, la vera mazzata dei nuovi casi arriverà con l’apertura delle scuole” / 4. Caos sulla riapertura delle scuole a settembre. Dall’uso delle mascherine alle linee guida in caso di contagio: tutti i nodi ancora da sciogliere

65
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.