Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Scontrino salato a Venezia: 21 euro un cappuccino e una spremuta al tavolo per le norme anti-Covid

Immagine di copertina
Credit: Corriere della Sera

Coronavirus, scontrino salato a Venezia

Venezia finisce di nuovo nella polemica per gli scontrini salatissimi dei bar in centro. Questa volta, però, l’episodio non si è verificato in piazza San Marco, ma all’Illy Caffè dei Giardini Reali dove un uomo che lavora in zona si è visto recapitare al tavolo l’esoso conto: 21 euro per un cappuccino e una spremuta. L’uomo avrebbe voluto consumare la colazione al bancone, ma per via delle norme anti Coronavirus ha dovuto sedersi al tavolo, senza immaginare che avrebbe speso quella cifra.

Così un caffè, che al banco sarebbe costato 1,50 euro, seduto al tavolo costa 6 euro e la spremuta, invece, da 5 euro in piedi passa a 12 euro e il cappuccino passa da 3 a 9. “Se questi sono i prezzi — racconta l’uomo mostrando lo scontrino al Corriere della Sera — ci andranno solo i turisti”. “Una vergogna”, commenta il segretario del Psi di Venezia Luigi Giordani.

“Volevamo bere in piedi ma il personale ci ha invitato a sederci viste le restrizioni, nessuno però ci ha detto che i prezzi erano triplicati. Mai avremmo immaginato di pagare oltre venti euro, un furto”, conclude l’uomo.

Leggi anche: Spunta la tassa Covid negli scontrini: aumenti da 2 a 4 euro
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Cronaca / Prescrive cure alternative al telefono e il paziente muore: arrestato medico no vax
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Cronaca / Max Mara, Victoria’s Secret e il nail bar: le spese pazze che hanno portato alla condanna di Renata Polverini
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine