Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Scarcerazione Zaki, l’amica e collega a TPI: “Siamo increduli e felici, ma continuiamo a combattere. Non è ancora libero”

Immagine di copertina

“Non me lo aspettavo minimamente, purtroppo ci eravamo abituati alle udienze con brutti responsi, io ero a lavorare, mi ha scritto mio padre, sono uscita di corsa. Quando me l’ha scritto non ci credevo, ho cercato articoli e informazioni e siamo ancora tutti sotto shock”. A parlare è Sofia Selighini una collega di corso e cara amica di Patrick Zaki dell’università di Bologna che a TPI racconta le emozioni a caldo dopo la notizia della prossima scarcerazione dello studente egiziano.

L’udienza presso il tribunale di Mansura, in Egitto, è durata meno di cinque minuti: Zaki dovrebbe lasciare il carcere tra oggi e domani, non è ancora chiaro quando, anche se resterà comunque sotto processo. Non è stato infatti assolto dalle accuse a suo carico.

“Sono contentissima per Patrick, per il suo benessere fisico, finalmente può andare a casa e stare al sicuro. Anche solo pensare che ora forse possiamo sentirlo per noi è stranissimo, dopo tutto questo tempo. Ovviamente in modo positivo. Anche solo sapere da qualcuno come sta è bella notizia. Aspettiamo che torni a casa”, prosegue Sofia.

“Stiamo aspettando il processo, dopo questo primo momento di grande gioia, abbiamo comunque deciso di restare coi piedi per terra, e chiediamo con la stessa determinazione che venga assolto e che venga sollevato dalle accuse. Patrick non è ancora un uomo libero. Noi vogliamo che torni in Italia e che torni un cittadino libero. Non so quale sia il motivo di questa decisione, non voglio speculare, qualunque sia stato il motivo che ha spinto la corte a questa decisione io sono solo contenta”.

E parlando a nome dei tanti amici che da anni si battono per la liberazione di Zaki dice: “Abbiamo questo desiderio di sentirlo, di telefonargli di riabbracciarlo. Patrick è il nostro amico e lo aspettiamo”.

Sulla prossima scarcerazione di Zaki, si sono espressi da subito sia il premier Mario Draghi che il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Draghi esprime soddisfazione per la scarcerazione di Patrick Zaki, la cui vicenda è stata e sarà seguita con la massima attenzione da parte del Governo italiano”. Così una nota di Palazzo Chigi. “Primo obiettivo raggiunto: Patrick Zaki non è più in carcere. Adesso continuiamo a lavorare silenziosamente, con costanza e impegno”, ha scritto su Twitter Di Maio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”