Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“A Roma un migliaio di positivi vìola la quarantena per gli auguri”: D’Amato lancia l’allarme

Immagine di copertina
Alessio D'Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio. Credit: ANSA

A Roma sono migliaia le persone che violano la quarantena, senza rispettare le regole. A calcolarlo è Alessio d’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, che parla al Messaggero. C’è chi lo fa per continuare a lavorare, chi per non rimanere in casa. Sono le persone che prendono le metro, gli autobus e che girano per la città nonostante debbano stare in isolamento: “Ci giungono troppe segnalazioni dai nostri servizi delle Asl di non collaborazione sul contact tracing e di mancato rispetto delle regole di quarantena per coloro che sono venuti in contatto con un caso positivo. Sono circa un migliaio i casi scoperti e stanno aumentando”, spiega D’Amato che ricorda anche che il rispetto delle regole, come l’utilizzo della mascherina all’aperto, è fondamentale. Inoltre, c’è il rischio che il Lazio possa passare in zona gialla dopo le feste. Ieri il rapporto tra tamponi e positivi era del 5%.

Una dirigente di una Asl racconta, poi, al Messaggero che nei mesi scorsi erano principalmente i ragazzini a non comunicare ai genitori di essere entrati in contatto con un positivo. Oggi, invece, ci sono molti anziani o quarantenni. Fa l’esempio di un autotrasportatore entrato in contatto con un cliente con il Covid 19: “Quando gli abbiamo comunicato la cosa, non solo ci ha risposto che lo sapeva ma ci ha detto di lasciarlo in pace perché doveva lavorare” e non è il solo caso. La dirigente racconta anche di un professionista che continuava ad andare in ufficio. Pur avendo avvertito i clienti “ha preferito non avvertire la Asl”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine
Cronaca / Roma, studenti denunciano manganellate dalla polizia durante la manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine
Cronaca / Roma, studenti denunciano manganellate dalla polizia durante la manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro
Cronaca / Covid, da oggi quattro nuove regioni in zona arancione. Puglia e Sardegna in giallo. Cosa cambia
Cronaca / Firenze, 20enne muore dopo essere caduto dal tetto della sua ex scuola
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Green pass, da febbraio nuova scadenza: il governo valuta la proroga per chi ha fatto la terza dose
Cronaca / Quirinale, nel centrosinistra si fa largo il nome di Riccardi. Ipotesi scheda bianca al primo voto
Cronaca / Covid, oggi 138.860 casi e 227 morti: il tasso di positività al 15%