Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

A Roma il funerale finisce in rissa: i parenti litigano per l’eredità

Immagine di copertina

Si erano riuniti per dare l’ultimo saluto a Maria Teresa Rizzo, una signora di 80 anni morta per una malattia. Diciannove in tutto i parenti presenti al funerale dell’anziana nella chiesa di Santa Maria Liberatrice nel quartiere Testaccio a Roma. Soltanto i più stretti, nel rispetto delle norme anti covid. Le lacrime e le preghiere però hanno preceduto una maxirissa tra i familiari al termine della funzione religiosa, come raccontato dal Messaggero.

Mentre la bara era prossima a lasciare il piazzale, con le corone di fiori già disposte nel carro funebre, si è sentito urlare: “La casa spetta a me, è mia non ti devo niente”. Fratelli, zii e cugine della signora Rizzo hanno iniziato a insultarsi e a spintonarsi rivendicando l’eredità e la proprietà di un immobile.

A un certo punto le donne hanno cercato riparo in chiesa, correndo verso il cancello chiuso della sagrestia: “Aprite, aprite che qui si ammazzano”, hanno detto mentre tra gli uomini volavano pugni e insulti. Nel frattempo, i balconi che si affacciavano sulla piazza si erano popolati di persone. Tutti hanno assistito increduli alla rissa, fino a quando non sono intervenute le forze dell’ordine dopo le segnalazioni ricevute.

Nonostante, però, l’arrivo di polizia e carabinieri la rissa per l’eredità non si è placata. “Ho visto uno di loro che sferrava pugni proprio davanti al poliziotto, non si fermava più”, ha raccontato al Messaggero un commerciante della zona. Oltre alle forze dell’ordine, poi, è stata chiamata anche un’ambulanza. La sorella più grande della signora Rizzo ha, infatti, accusato un malore per la paura. All’arrivo del 118 era seduta su una sedia, dietro il cancello della chiesa: “Ho soccorso per primo la signora perché ha avuto un mancamento. Era agitata e spaventata. Ma il cancello l’ho richiuso subito perché la situazione al limite”, ha detto il sagrestano.

La pace – augurata dai sacerdoti al termine delle messe – è tornata quando le famiglie sono state allontanate per diversi metri.“Sono episodi che non sono giustificabili. Era stato appena celebrato un funerale, sono molto mortificato” ha detto il parroco di Santa Maria Liberatrice, don Maurizio Spreafico, che ha aggiunto: “Tutto ciò con il Natale appena trascorso. Un’occasione per le famiglie di ritrovarsi e appianare i vecchi rancori”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Strage sul lavoro: dopo la morte dello studente di 18 anni a Udine, altre due vittime a Pomezia e nel torinese
Cronaca / Lo scrittore Alessandro Baricco in ospedale: "Ho una leucemia"
Cronaca / Dichiarata morta dalla Asl, i parenti scoprono che è viva mentre le organizzano il funerale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Strage sul lavoro: dopo la morte dello studente di 18 anni a Udine, altre due vittime a Pomezia e nel torinese
Cronaca / Lo scrittore Alessandro Baricco in ospedale: "Ho una leucemia"
Cronaca / Dichiarata morta dalla Asl, i parenti scoprono che è viva mentre le organizzano il funerale
Cronaca / Covid, preside vieta la merenda a scuola per i troppi contagi
Cronaca / Quirinale, l'annuncio di Rocco Siffredi: "Mi candido a presidente della Repubblica"
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Cronaca / Con l’ultimo dpcm, senza Green pass non si potrà nemmeno ritirare la pensione alla posta
Cronaca / Leonardo ci riprova: far passare le armi come icona dello sviluppo sostenibile
Cronaca / Mancata zona rossa in Val Seriana, l'accusa di Lancet: “Epidemia diffusa per colpa di governo e regione”
Cronaca / Cassazione, su 295 vittime di omicidi volontari, 118 sono donne. “Sconcertante”