Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Roma, facevano a pezzi i cadaveri nel cimitero e chiedevano soldi a parenti

Immagine di copertina

Macabro ritrovamento al cimitero di Prima Porta a Roma. Sezionavano i cadaveri all’interno dei loculi del cimitero romano di Prima Porta con il coltello, gettavano i pezzi nell’ossario comune e poi chiedevano del denaro ai parenti dei defunti: dai 50 ai 300 euro per procedere a “idonea estumulazione”. Per 13 dipendenti dell’Ama e tre impiegati di altrettante agenzie funebri era un modo per arrotondare lo stipendio.

A smascherare la banda sono state alcune telecamere nascoste, posizionate dai carabinieri del nucleo radiomobile all’interno del cimitero di Prima Porta in alcuni vasi davanti ai loculi. Gli indagati sono stati tutti rinviati a giudizio e la prossima udienza è fissata a ottobre. In quell’occasione verranno ascoltati i primi testimoni.

Una vera e propria truffa secondo il pm Andrea Beccia. Gli indagati sono accusati di vilipendio di cadavere e truffa in concorso. Secondo quanto riporta Il Messaggero, il primo caso risale al 27 gennaio del 2020. Un addetto di un’agenzia funebre ha chiesto a sei addetti Ama di ridurre a pezzi un cadavere contenuto all’interno di un loculo a Prima Porta. Gli impiegati avrebbero eseguito e poi avrebbero contattato una parente del defunto, chiedendole di pagare 300 euro: “Questi soldi, signora, sono necessari per trasferire i resti in una cassetta più piccola e servono per lucidare la lapide”.

Nelle parole dei pm, gli indagati “avrebbero fatto credere alla persona offesa che questa somma aggiuntiva fosse necessaria per procedere alla legittima attività di estumulazione della salma”. In realtà avrebbero fatto a pezzi il cadavere e poi avrebbero buttato i resti nell’ossario comune. Una stessa richiesta è stata avanzata il 22 gennaio e successivamente il 30 gennaio 2020.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 9
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Cronaca / Lo chef stellato Andrea Aprea: “Ho assunto trenta persone. Se paghi il giusto le trovi”
Cronaca / Fratelli Bianchi, la madre: “Sentenza ingiusta. Condannati a furor di popolo”
Cronaca / Il Papa nominerà due donne al dicastero dei Vescovi: è la prima volta nella storia
Cronaca / Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”
Cronaca / Consumi, le famiglie non hanno mai speso così tanto per energia, gas e carburanti
Cronaca / Napoli, bufera sulla pizzeria “Dal Presidente” per una storia omofoba su Instagram
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”