Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Roma, 67enne morta dopo 10 ore sulla barella in attesa di una tac: Regione Lazio apre un’indagine

Immagine di copertina

Una donna di 67 anni è morta giovedì scorso a Roma per dissezione dell’aorta addominale e conseguente emorragia interna. Secondo i parenti la donna sarebbe stata lasciata su una barella per ben 10 ore, in attesa di una tac. Poi è stata trasferita d’urgenza in un altro ospedale dove purtroppo è deceduta.

Sull’accaduto, la Regione Lazio ha aperto un’inchiesta interna. La direzione salute della Regione Lazio ha reso noto che nella mattinata di oggi ha disposto “un immediato audit clinico per definire tutti i passaggi assistenziali che hanno riguardato la signora Rossana Alessandroni, dai tempi del soccorso, al decorso presso l’ospedale Vannini, i tempi dell’inquadramento clinico e le relative modalità operative ed il successivo trasporto all’hub di riferimento Policlinico Tor Vergata”.

La storia è stata raccontata su Repubblica: secondo quanto riportato, il 2 febbraio scorso la donna, di nome Rossana Alessandroni, ha accusato un forte dolore allo stomaco mentre si trovava nella sua abitazione di via Manfredonia, al Quarticciolo. Alle 13 è stata trasportata in ambulanza all’ospedale Vannini in codice rosso. Insomma, in gravi condizioni. “Al Vannini l’hanno tenuta dieci ore su una barella in pronto soccorso in attesa di una tac, mentre lei si contorceva dai dolori” racconta a Lorenzo Nicolini di RomaToday la nipote della donna, Irene Coda. “Se fossero intervenuti subito forse mia zia sarebbe ancora viva. Non si può morire per un’analisi o una tac non fatta in tempo. È assurdo”. I familiari hanno sporto denuncia ai carabinieri e contattato un avvocato per procedere per vie legali: “Non permetteremo nessuno scarica barile”.

Stando alla testimonianza dei familiari, l’esame le è stato eseguito soltanto alle 23. “Alle 23.21 ci ha scritto che era ancora in attesa del risultato. Si lamentava. ‘Sono piena di dolori’. Mi ha detto l’ultima volta che l’ho sentita con un vocale che mi ha mandato”, racconta ancora la nipote. Confermata la gravità della situazione, i medici hanno deciso di trasferirla con urgenza al policlinico di Tor Vergata intorno alle tre del mattino per sottoporla a una operazione. Iniziato l’intervento, però, i chirurghi si sono trovati di fronte a un’emorragia troppo estesa. Ormai era troppo tardi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale